lunedì, 15 Agosto 2022

La distribuzione dell’idrogeno blu potrebbe raggiungere gli 80 GW entro il 2050 con il giusto supporto politico – da un nuovo rapporto nel Regno Unito

Un nuovo rapporto del settore ha descritto l’idrogeno blu come una parte “essenziale” delle ambizioni di ‘net zero’ del Regno Unito.

Pubblicato dalla UK Hydrogen and Fuel Cell Association (UK HFCA), lo studio afferma che, nel breve termine, tale carburante sarà il modo più veloce per distribuire grandi volumi di idrogeno a basse emissioni di carbonio nell’economia.

A lungo termine, ciò sosterrà lo sviluppo della produzione di idrogeno verde, afferma il rapporto.

L’idrogeno blu viene prodotto utilizzando gas naturale, con la CO2 creata nel processo abbattuta utilizzando la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS).

C’è attualmente un ampio dibattito all’interno del settore sull’opportunità di dare la priorità all’idrogeno blu o verde, che viene prodotto utilizzando energia rinnovabile.

Poiché incorpora gas naturale, si pensa che l’idrogeno blu potrebbe prolungare la vita dei giacimenti del Mare del Nord, supportando una transizione giusta.

Secondo il rapporto, con il giusto sostegno politico da parte del governo, il Regno Unito potrebbe impiegare 10 gigawatt (GW) di idrogeno blu entro il 2030, più dell’attuale capacità combinata di energia nucleare.

Quella cifra potrebbe raggiungere fino a 80 GW entro il 2050.

Per raggiungere questo obiettivo, l’HFCA del Regno Unito chiede l’attuazione di una serie di politiche da parte di Westminster.

Includono la definizione e l’attuazione di solidi standard di produzione, l’erogazione di sostegno finanziario e l’aumento delle importazioni e delle esportazioni.

Anne-Marie Trevelyan, ministro dell’energia del governo del Regno Unito, ha dichiarato: “Accolgo con favore questo documento della UK Hydrogen and Fuel Cell Association.

“Evidenzia chiaramente il ruolo che l’idrogeno “blu” abilitato per CCUS può svolgere nel raggiungere gli impegni giuridicamente vincolanti del Regno Unito in materia di cambiamenti climatici e nell’aiutare a fornire energia flessibile attraverso il riscaldamento, l’energia e i trasporti.

“Ci precede la pubblicazione della nostra prima strategia sull’idrogeno quest’anno. Abbiamo già stabilito la nostra ambizione per questa nuova tecnologia, per generare quantità significative di energia nei prossimi anni e supportare migliaia di posti di lavoro”.

I progetti di idrogeno blu in tutto il Regno Unito si sono fissati obiettivi CCS rigorosi, con il 95% di rimozione delle emissioni considerata un minimo.

La maggior parte delle iniziative si basa su cluster, incluso il progetto Acorn presso il terminal del gas di St. Fergus nell’Aberdeenshire.

Attualmente ci sono piani per il governo del Regno Unito per stabilire CCS in almeno due siti industriali entro la metà degli anni ‘20.

I principali contendenti si trovano in Scozia, Nord Ovest, Humber e Teesside.

Ben Houchen, sindaco di Tees Valley, ha dichiarato: “Qui a Teesside stiamo già aprendo la strada allo sviluppo dell’idrogeno come fonte di carburante.

“Saremo sede del primo hub di trasporto dell’idrogeno del governo che ricercherà e sperimenterà l’idrogeno in tutte le forme di trasporto.

“Northern Gas Networks sta conducendo una prima prova al mondo di idrogeno nei tubi del gas domestici che sono stati isolati dal resto della rete domestica. E BP creerà il più grande impianto di produzione di idrogeno “blu” del Regno Unito a Teesside.

“Dall’eolico offshore al lavoro pionieristico sull’idrogeno Teesside, Darlington e Hartlepool stanno aprendo la strada affinché il Regno Unito sia a zero entro il 2050 e la nostra posizione al centro della rivoluzione dell’energia pulita creerà migliaia di posti di lavoro di buona qualità e ben pagati per le popolazioni locali per le generazioni a venire”.

Celia Greaves, amministratore delegato dell’HFCA del Regno Unito, ha aggiunto: “Il nostro rapporto mostra come il Regno Unito sia in una posizione unica per sfruttare le opportunità dell’idrogeno blu a basso tenore di carbonio.

“L’HFCA del Regno Unito sostiene la strategia del governo del Regno Unito di un approccio agnostico dalla tecnologia all’idrogeno poiché sappiamo che sia l’idrogeno blu che quello verde svolgeranno un ruolo chiave nell’aiutare il governo a raggiungere i propri obiettivi Net Zero.

“Tuttavia, se il governo vuole raggiungere le proprie ambizioni, la prossima strategia per l’idrogeno deve fornire chiarezza e maggiore certezza sul supporto che sarà disponibile per l’idrogeno.

“Ciò consentirà all’investimento di scorrere nel tempo in modo da poter avviare la produzione in tempo per raggiungere l’obiettivo di riduzione del carbonio del 78% del Regno Unito per il 2035“. 

Latest article