domenica, 7 Agosto 2022

Il principale produttore di petrolio norvegese ha un piano multimiliardario per l’idrogeno

Equinor ASA, la società di punta del gigante norvegese del petrolio e del gas, sta investendo miliardi di dollari nell’idrogeno blu scommettendo che potrà rendere il carburante idrogeno più pulito di chiunque altro.

La compagnia petrolifera statale è una delle compagnie energetiche di tutta Europa attive coi piani per l’idrogeno, poiché la crescente pressione per combattere il cambiamento climatico stimola massicci cambiamenti negli investimenti. Equinor crede di avere il vantaggio nella corsa alla commercializzazione del settore perché con la propria tecnologia perde meno metano rispetto ai suoi rivali.

L’azienda si sta concentrando sull’idrogeno blu, che è prodotto dal gas naturale ed è stato pubblicizzato come la chiave per ripulire settori come l’acciaio, il cemento e l’aviazione. Eppure è anche oggetto di critiche, dal momento che la sua produzione rilascia una parte dell’ anidride carbonica catturata e immagazzinata, mentre il processo di estrazione e trasporto del gas emette metano, un gas serra ancora più potente.

Lavoriamo con tassi di cattura pari al 95% di CO2″, ha affermato in un’intervista il vicepresidente della tecnologia a basse emissioni di carbonio Henrik Solgaard AndersenÈ un “prerequisito” che la tecnologia utilizzata da Equinor abbia “alta efficienza e un alto tasso di cattura“. Ciò si confronta con un tasso massimo del 90% dalla tecnologia “standard”, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia.

La società prevede circa 100 miliardi di corone (10 miliardi di Euro) di investimenti nell’idrogeno, inclusi quelli a spese proprie, contributi dei partner e finanziamenti statali, entro il 2035. Può contare su un’abbondante fornitura del gas naturale, con la Norvegia che pompa più di ogni altra paese dell’Europa occidentale, e afferma che il suo tasso di perdita di metano è inferiore allo 0,03%.

Questo è molto meno di quanto previsto dal gruppo industriale Oil & Gas Climate Initiative – di cui Equinor è membro – che cerca di ridurre l’intensità aggregata del metano delle operazioni upstream a meno dello 0,2% entro il 2025.

Non puoi vendere gas naturale da utilizzare per l’idrogeno blu a meno che tu non abbia gas naturale pulito“, ha detto Andersen. “Inutile dire che chi non ha gli stessi livelli di emissione della piattaforma norvegese farà fatica a vendere gas naturale in futuro”.

A dire il vero, non esiste ancora un mercato per l’idrogeno e ci vorrà del tempo per creare una capacità sufficiente per avere un impatto diffuso sulle industrie. Il consulente norvegese DNV GL AS ha previsto all’inizio di quest’anno che “l’idrogeno entrerà in scena su larga scala solo alla fine degli anni ’30. È troppo tardi».

Nel frattempo, molteplici settori stanno investendo nell’elettrificazione, dai trasporti alla produzione di metalli fino al riscaldamento domestico. Sebbene ciò contribuirà a diversificare le economie lontano dai combustibili fossili, secondo Equinor non sarà sufficiente per ottenere i necessari tagli alle emissioni richiesti dall’accordo di Parigi.

L’elettricità può essere utilizzata in alcuni settori, ma in altri come l’industria, o dove è richiesto un uso flessibile dell’energia, l’elettrificazione non è sufficiente”, ha affermato Andersen. “L’idrogeno entra qui, perché lo puoi produrre in grandi quantità per un lungo periodo di tempo”, rendendolo “parte della cassetta degli attrezzi“.

Equinor è già attiva nel settore dell’idrogeno nel Regno Unito, sviluppando il progetto H2H Saltend e convertendo un enorme sito di stoccaggio del gas per contenere il carburante.

La società mira ad avere una quota del 10% del mercato globale dell’idrogeno nel 2035, che si traduce in circa 8 gigawatt, secondo Andersen, che ha affermato che l’espansione ora dipende più dalla politica che dalla tecnologia.

Quello che stiamo guardando oggi avremmo potuto farlo 20 anni fa“, ha detto. “La tecnologia c’era, ma la politica e la mentalità sul clima non erano in cima all’agenda come oggi“.

Vedendo che molti governi che ora sostengono la ricerca e lo sviluppo dell’idrogeno, Equinor ha aggiunto personale specializzato. L’azienda ora ha 40 persone che lavorano sull’idrogeno blu nella sua divisione di soluzioni a basse emissioni di carbonio, rispetto a una manciata di soli 18 mesi fa, secondo Andersen.

Equinor prevede anche di sviluppare l’ idrogeno verde, ottenuto da acqua ed energia rinnovabile, ma a un ritmo più lento e su scala ridotta rispetto all’idrogeno blu fino a quando l’infrastruttura necessaria non sarà ben consolidata.

Avremo idrogeno blu finché avremo gas naturale e la possibilità di immagazzinare CO2“, ha detto Andersen. Lo sviluppo del settore “potrebbe essere una forza trainante per esplorare più gas nel settore norvegese, il che ci consentirà di mantenere l’industria petrolifera e del gas in funzione per un periodo di tempo più lungo“.

Latest article