martedì, 9 Agosto 2022

Il Parlamento della UE appoggia l’idrogeno ‘a basse emissioni di carbonio’, nonostante l’opposizione dei Verdi

Il Parlamento europeo ha approvato mercoledì 19 maggio una mozione sulla strategia dell’UE sull’idrogeno, sostenendo l’uso dello “idrogeno a basse emissioni di carbonio” prodotto dal gas naturale come ponte verso una produzione rinnovabile al 100%.

La strategia dell’UE sull’idrogeno, svelata nel luglio dello scorso anno, mira a promuovere l’idrogeno verde prodotto interamente dall’ elettricità rinnovabile, come l’eolico e il solare, ma sostiene anche “l’idrogeno a basse emissioni di carbonio” per aumentare la produzione a breve termine.

La relazione del Parlamento – una mozione non vincolante e senza conseguenze legali – riconosce la necessità di far crescere il mercato europeo il più rapidamente possibile, affermando che ciò richiederà lo “idrogeno a basse emissioni di carbonio” come ponte verso una produzione rinnovabile al 100%.

La mozione è stata approvata con 411 voti favorevoli, 135 contrari e 149 astensioni.

Secondo il Parlamento, “a basse emissioni di carbonio” include il cosiddetto idrogeno “blu”, che è prodotto da gas fossile in combinazione con la tecnologia di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) per immagazzinare le emissioni di CO2 associate nel sottosuolo.

Sebbene il rapporto non faccia esplicita menzione del nucleare, resta inteso che la definizione di “basse emissioni di carbonio” comprende anche l’idrogeno “giallo” ovvero “rosa” prodotto dall’energia nucleare.

Gli emendamenti alla mozione sono stati presentati dai Verdi, che si oppongono all’idrogeno blu prodotto dal gas fossile, ma nessuno di questi emendamenti ha trovato la maggioranza quando sono stati sottoposti al voto martedì 18 maggio.

Invece, una maggioranza di parlamentari del S&D di sinistra, del PPE di centro-destra e dei gruppi politici centristi di Renew Europe hanno unito le forze per portare il rapporto oltre il traguardo.

La maggioranza del Parlamento europeo ha sostenuto un mercato europeo innovativo dell’idrogeno“, ha detto l’eurodeputato tedesco Jens Geier, che ha redatto la mozione a nome dei Socialisti e Democratici (S&D).

Questo rapporto non contiene una sola parola che non avrei voluto lì“, ha detto Geier ai giornalisti in una conferenza stampa lunedì (17 maggio). “Un mercato dell’idrogeno è un passo importante verso la decarbonizzazione europea“, ha affermato.

All’opposizione c’erano i Verdi / ALE, mentre i conservatori e riformisti europei (ECR), l’estrema destra Identity and Democracy (ID) e la sinistra si sono in gran parte astenuti.

L’espansione del mercato avrà successo solo se integreremo l’espansione della produzione di idrogeno rinnovabile con il potenziale dell’idrogeno a basse emissioni di carbonio“, ha affermato Angelika Niebler, parlamentare tedesco del PPE e relatrice ombra sulla relazione.

Niebler ha aggiunto che si oppone personalmente all’uso dell’energia nucleare nella produzione di idrogeno.

Sebbene il rapporto non abbia implicazioni legali, invia un segnale politico importante in vista di un prossimo pacchetto legislativo di leggi sull’energia e sul clima che sarà presentato dalla Commissione europea il 14 luglio.

L’idrogeno è visto come un’ottima soluzione per decarbonizzare settori industriali ‘hard to abate’, come l’acciaio e i prodotti chimici, che attualmente fanno affidamento sui combustibili fossili e non possono passare facilmente all’elettricità. È anche visto come una soluzione a lungo termine per il trasporto marittimo, aereo e stradale pesante dove l’elettrificazione non è al momento fattibile.

Questo è uno scenario senza rimpianti“, ha detto Bart Groothuis, un legislatore olandese per il gruppo Renew.Questa casa aspira a garantire che l’idrogeno possa essere scambiato sul mercato mondiale in euro“, ha aggiunto.

I legislatori verdi e gli attivisti ambientali, d’altra parte, erano furiosi.

In quanto Verdi, non possiamo sostenere le richieste di sostegno finanziario e normativo per il cosiddetto ‘idrogeno a basse emissioni di carbonio’, sostenendo che è necessario per un periodo di transizione“, ha affermato Henrike Hahn, eurodeputato tedesco dei Verdi.

I deputati si sono sbagliati. La cosiddetta “tecnologia ponte” a basse emissioni di carbonio è un ponte ad alto tenore di carbonio verso il nulla “, ha affermato Camille Maury del WWF.

Dare un ruolo di transizione all’idrogeno a basse emissioni di carbonio e dirottare preziosi fondi pubblici dalle soluzioni senza rimpianti, dal risparmio energetico e dalle energie rinnovabili, metterebbe a repentaglio il raggiungimento degli obiettivi climatici europei“, ha affermato Esther Bollendorff di Climate Action Network Europe.

L’idrogeno può essere un’energia del futuro alla sola condizione che sia prodotto al 100% da energia rinnovabile“, ha aggiunto Damien Carême, un eurodeputato francese dei Verdi e relatore ombra della relazione.

Sono indignato per le folli somme di denaro – 58,6 milioni di euro secondo una stima bassa del Corporate Europe Observatory – spesi dalla lobby del gas e per i 163 incontri che ha avuto con 3 Commissari europei, membri dei loro gabinetti o le DG interessate ha plasmato molto la strategia sull’idrogeno presentata dalla Commissione e approvata dal Parlamento europeo”, ha affermato.

Latest article