giovedì, 1 Dicembre 2022

Il miliardario australiano Forrest si accorda con i miliardari del Regno Unito per il piu’ grosso progetto di idrogeno rinnovabile

Il miliardario del minerale di ferro e ora evangelista dell’energia verde l’ australiano Andrew Forrest ha continuato la sua serie mozzafiato di annunci sull’idrogeno rinnovabile, questa volta firmando un accordo con la famiglia Bamford per diventare il più grande fornitore di idrogeno rinnovabile nel Regno Unito.

L’accordo “multimiliardario”, deliberatamente programmato un giorno prima della conferenza sul clima della COP26 di Glasgow, è stato raggiunto con il gigante delle costruzioni JCB e la sua propaggine Ryze Hydrogen, che acquisteranno il 10% dell’idrogeno rinnovabile che dovrebbe essere prodotto dalla Fortescue Future Industries di Forrest.

Nell’ambito della partnership, FFI guiderà la produzione e la logistica dell’idrogeno verde nel mercato del Regno Unito. JCB, di proprietà dell’uomo d’affari miliardario Lord Bamford, e Ryze, di proprietà e gestito da suo figlio Jo Bamford, gestiranno la distribuzione dell’idrogeno verde e lo sviluppo della domanda dei clienti nel Regno Unito.

Sembra essere principalmente focalizzato sul passaggio all’idrogeno verde dei trasporti pesanti, comprese le attrezzature per l’edilizia di JCB e Wrightbus di Jo Bamford, la più grande azienda produttrice di autobus del Regno Unito che ha già prodotto il primo autobus a due piani alimentato a idrogeno (nella foto sopra).

Il nostro accordo segna il primo grande cambiamento nel panorama commerciale globale dai combustibili fossili verso la soluzione reale, pratica e implementabile che è l’idrogeno verde“, ha affermato Forrest in una dichiarazione domenica scorsa.

Siamo lieti di annunciare questa iniziativa innovativa al forum sul clima critico della COP26“.

FFI si è posta la straordinaria ambizione di produrre 15 milioni di tonnellate di idrogeno verde all’anno entro il 2030 e di accelerare a 50 milioni di tonnellate all’anno nel prossimo decennio.

Per contestualizzare la portata dei suoi piani, l’Asia Renewable Energy Hub nell’Australia occidentale mira a costruire 26 GW di energia eolica e solare, che si dice produrranno meno di 2 milioni di tonnellate di idrogeno verde all’anno.

Ma Forrest afferma che sta preparando circa 300 GW di progetti di rinnovabili, anche se nessuno è stato ancora identificato, ma includerà progetti idroelettrici e geotermici, oltre a quelli eolici e solari.

Forrest ha, tuttavia, annunciato una serie di accordi e acquisizioni, tra cui una partecipazione di maggioranza nella società olandese di idrogeno e solare HyET, piani per 2 GW all’anno nella produzione di elettrolizzatori a idrogeno in collaborazione con la statunitense Plug Power e l’acquisto di US società di tecnologia dell’idrogeno basate su Xergy Inc e Xergy One Ltd.

FFI si sta rapidamente espandendo a uno staff di oltre 550 dipendenti, incluso la recente assunzione di  Maia Schweizer, l’amministratore delegato di CleanCo di proprietà del governo del Queensland, che è coinvolto localmente nei propri progetti di idrogeno rinnovabile.

Il presidente di JCB, Lord Bamford, ha affermato che l’accordo con FFI è un passo importante verso la fornitura di idrogeno verde al cliente.

Va bene avere un motore alimentato da idrogeno verde, ma non va bene se i clienti non possono ottenere idrogeno verde per alimentare le loro macchine. Questo è un importante passo avanti sulla strada per rendere l’idrogeno verde una soluzione praticabile”.

JCB è il terzo produttore mondiale di macchine per il movimento della terra e ha prodotto prototipi di motori a idrogeno super efficienti, una terna alimentata a idrogeno e un sollevatore telescopico Loadall.

Jo Bamford è il fondatore di Ryze e il proprietario di Wrightbus. Ryze sta costruendo la prima rete del Regno Unito di impianti di produzione di idrogeno verde, mentre Wrightbus ha costruito il primo double decker a idrogeno al mondo.

Questo è un accordo monumentale, non solo per noi ma per il Regno Unito nel suo insieme“, ha dichiarato Jo Bamford in una nota. “Abbiamo scelto di collaborare con i leader globali nell’idrogeno verde ed è favoloso che due paesi, il Regno Unito e l’Australia, possano unirsi per creare un futuro più luminoso.

“Stiamo camminando sull’idrogeno verde e ora vogliamo che il governo dimostri il suo impegno nel settore investendo in autobus, treni, camion, navi, aerei e l’intera catena di approvvigionamento dell’idrogeno verde“.

Bamford, come Forrest, sostiene che qualsiasi idrogeno prodotto da combustibili fossili causa più inquinamento di quanto ne risparmi, ed è al massimo un combustibile di transizione.

Questo accordo dimostra che l’idrogeno verde non ha bisogno di essere “transizionato” attraverso l’idrogeno da combustibile fossile. La sua produzione può iniziare subito, per soddisfare le esigenze di tutta la mobilità. Ho chiesto ad Andrew di comunicarmi immediatamente che ne ha la capacità, e lui ha acconsentito“, ha detto Jo Bamford.

L’operazione potrebbe essere estesa anche al mercato europeo, a seconda del potenziale di crescita del mercato.

L’amministratore delegato di FFI Julie Shuttleworth ha dichiarato: “Questo accordo rafforza l’inesorabile marcia dell’idrogeno verde come carburante del futuro”, ha affermato.

L’idrogeno verde è fondamentale per il pianeta e fa bene agli affari, un potente carburante e ingrediente nella produzione di una vasta gamma di prodotti industriali difficili da decarbonizzare. Sarà fondamentale per consentire la decarbonizzazione dell’industria pesante a livello globale“, ha inoltre aggiunto.

Latest article