domenica, 27 Novembre 2022

Il gigante multinazionale dell’acciaio Tata Steel si converte all’uso dell’idrogeno

La multinazionale indiana Tata Steel ha annunciato di voler utilizzare l’idrogeno per le sue acciaierie di IJmuiden, nei Paesi Bassi. 

Nel tentativo di ridurre le emissioni di CO2, l’azienda ha esplorato due opzioni: la cattura dell’anidride carbonicacon la rispettiva tecnologia di utilizzo e stoccaggio, e l’idrogeno

Oggi, Tata Steel ha annunciato che seguirà la rotta dell’idrogeno a IJmuiden e intraprenderà una valutazione dettagliata al riguardo”, ha annunciato la società. “Ciò comporta l’introduzione della tecnologia del ferro ridotto diretto (DRI), che può produrre ferro utilizzando gas naturale o idrogeno prima che venga convertito in acciaio in uno o più forni elettrici nei quali da investire in futuro“. 

Tata ha detto che consulterà le parti interessate per sviluppare ulteriormente l’opzione dell’idrogeno. “Il percorso di decarbonizzazione a IJmuiden ci aiuterà anche a tracciare la futura tabella di marcia di transizione degli altri siti di produzione dell’acciaio integrati di Tata Steel“, ha affermato TV Narendran, CEO e amministratore delegato di Tata Steel e presidente del consiglio di sorveglianza di Tata Steel Netherlands.

All’inizio di quest’estate, la società svedese di materie prime in acciaio SSAB ha annunciato di aver prodotto e consegnato “il primo acciaio al mondo privo di fossili“. SSAB ha affermato di aver utilizzato la tecnologia HYBRITsviluppata dalla joint venture formata con la società mineraria statale svedese LKA e la società elettrica pubblica Vattenfall.

HYBRIT sta suscitando interesse tra diverse aziende e governi, compresi quelli della Corea del Sud e dell’India.

Latest article