sabato, 19 Giugno 2021

I membri del G7 sferrano un duro colpo ai combustibili fossili

…Ma potrebbe essere necessario appoggiarsi al gas naturale ‘per un certo periodo’.

Venerdì scorso, i ministri del clima e dell’ambiente del G7 – che include Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti – sotto la guida del Regno Unito si sono assicurati impegni storici che metteranno il clima, la biodiversità e l’ambiente al centro di recupero mondiale di COVID-19, nello sforzo di limitare l’aumento delle temperature globali a 1,5 gradi Celsius.

Il presidente designato della COP26, Alok Sharma e il segretario di Stato della Defra George Eustice, hanno convocato i ministri in vista del vertice dei leader del G7 a giugno, compresi i paesi ospiti di India, Australia, Sud Africa e Corea del Sud.

Tutti i membri del G7 hanno aderito all’iniziativa globale “30×30” per conservare o proteggere almeno il 30 per cento della terra del mondo e almeno il 30 per cento degli oceani del mondo entro il 2030, e si sono impegnati a “30×30” a livello nazionale.

Quest’anno è già il primo “G7 net zero ” in assoluto, con tutti i paesi impegnati a raggiungere le emissioni nette di carbonio zero entro il 2050 al più tardi.

Andando oltre, sostenendo la transizione verso l’energia verde, il gruppo ha anche accettato di eliminare gradualmente i finanziamenti governativi per i progetti sui combustibili fossili a livello internazionale, a seguito di un impegno di primo piano assunto dal Regno Unito a dicembre.

Come primo passo, i paesi del G7 interromperanno tutti i nuovi finanziamenti per l’energia a carbone entro la fine del 2021, insieme a un maggiore sostegno per alternative energetiche pulite come il solare e l’eolico. È stato inoltre deciso di accelerare la transizione da una capacità di carbone senza interruzioni a un sistema di alimentazione a schiacciante decarbonizzazione negli anni 2030.

Il G7 ha deciso di aumentare la quantità di finanziamenti per le azione per proteggere il clima, al fine di raggiungere l’obiettivo di 100 miliardi di dollari all’anno per sostenere i paesi in via di sviluppo. Oltre a ciò, il G7 si è impegnato a sostenere una serie di obiettivi globali ambiziosi ed efficaci per la biodiversità, compreso l’accordo di un quadro ambizioso ed efficace per la biodiversità globale al CBD COP15 entro la fine dell’anno.

Sono state anche assicurate misure per affrontare la deforestazione globale, con il G7 che si è impegnato ad aumentare il sostegno alle catene di approvvigionamento sostenibili che separano la produzione agricola dalla deforestazione e dal degrado forestale, compresa la produzione derivante dalla conversione illegale della terra.

I paesi membri accettano di eliminare gradualmente il sostegno ai combustibili fossili “ad alta intensità di carbonio”, ma il sostegno al gas è ancora limitato.

Tuttavia, i ministri dell’ambiente e del clima del G7 hanno anche riconosciuto che il gas naturale avrà ancora un ruolo da svolgere nella transizione energetica. 

Riconosciamo che il gas naturale potrebbe essere ancora necessario durante la transizione all’energia pulita su base limitata nel tempo e lavoreremo per ridurre le emissioni correlate verso sistemi di alimentazione a schiacciante decarbonizzazione negli anni 2030“, ha affermato il G7 nella dichiarazione di venerdì. “Notiamo anche l’importanza di garantire catene di approvvigionamento di energia pulita sicure, sicure e sostenibili, anche per quanto riguarda i minerali critici e le componenti rinnovabili critiche“.

Idrogeno e CCUS – Carbon Capture, Utiziation and Sequestration

Il G7 si è inoltre impegnato a maggiori livelli di finanziamento dell’innovazione per ridurre i costi delle tecnologie di decarbonizzazione industriale, compreso l’uso di idrogeno, elettrificazione, biomassa sostenibile, CCUS e combustibili sintetici.

Hanno anche individuato l’importanza dell’idrogeno rinnovabile ea basse emissioni di carbonio nel percorso verso il raggiungimento delle emissioni nette zero.

Intensificheremo gli sforzi per far avanzare l’idrogeno su scala commerciale da fonti a basse emissioni di carbonio e rinnovabili nelle nostre economie, compreso il supporto per la distribuzione delle celle a combustibile a livello globale “, si legge nella dichiarazione di venerdì.

Questo aiuterà a realizzare lo sviluppo di un futuro mercato internazionale dell’idrogeno che crei nuovi posti di lavoro per i lavoratori attuali e futuri nel settore energetico“.

Latest article