mercoledì, 17 Agosto 2022

I leader mondiali dell’energia si impegnano per un’azione decisa verso il ‘Net Zero’

I principali leader internazionali per l’energia e il clima di oltre 40 paesi hanno preso parte ieri al vertice ‘Net Zero IEA-COP26’ per identificare come meglio lavorare insieme per ridurre le emissioni globali di gas serra e raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi

1 aprile, 2021

La Redazione

Il vertice, ospitato dal direttore esecutivo dell’IEA Fatih Birol e dal presidente della COP26 Alok Sharma, ha riunito rappresentanti di alto livello dei ministeri dell’energia e del clima di paesi tra cui Australia, Brasile, Cina, Colombia, Unione europea, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Sud Africa, Regno Unito e molti altri. Alle discussioni hanno preso parte anche partecipanti provenienti da un’ampia sezione trasversale di gruppi della società civile, società private e istituzioni governative.

Il vertice è una tappa fondamentale sulla strada per la COP26 a Glasgow a novembre. Ha riunito rappresentanti di paesi che coprono oltre l’80% del PIL, della popolazione e delle emissioni globali.

È tempo che il mondo passi da un decennio di deliberazione sul cambiamento climatico a un decennio di attuazione. Il Regno Unito incoraggia fortemente i paesi ad approvare i sette principi dell’AIE per il raggiungimento dello zero netto. Il vertice di oggi ha mostrato chiaramente la volontà di governi, società civile e imprese lavorare insieme in ogni settore di emissione per far sì che ciò accada e mantenere l’obiettivo di 1,5 gradi a portata di mano“, ha affermato Sharma, presidente della COP26. “Questo non dovrebbe essere visto come un carico di responsabilità, ma più come una condivisione di un’opportunità. Lavorando insieme, possiamo accelerare il progresso, creare posti di lavoro e prosperità e proteggere il nostro pianeta per le generazioni future“.

Il nostro Net Zero Summit ha chiarito che la stragrande maggioranza del mondo concorda sulla gravità della crisi climatica e sull’urgenza di azioni immediate per portare le emissioni globali sulla strada verso lo zero netto. Ma ha anche sottolineato la necessità di una maggiore collaborazione internazionale per guidare il rapido dispiegamento globale di tecnologie pulite in tutti i settori chiave dell’economia “, ha affermato il dott. Birol, direttore esecutivo dell’IEA. “Nessun paese può farlo da solo. Se vogliamo che la transizione verso l’energia pulita avvenga rapidamente, le principali economie del mondo devono lavorare in modo molto più efficace e stretto insieme. I Principi chiave del Summit mostrano ciò che deve accadere e offro l’intero IEA sostegno agli sforzi della Presidenza britannica COP26 per rafforzare i meccanismi di cooperazione internazionale che accelereranno la nostra transizione allo zero netto “.

Al confronto ha partecipato per l’Italia il Ministro per la Transizione ecologica Roberto Cingolani. Nel suo intervento ha ricordato come l’Italia sia impegnata in prima linea pianificando importanti investimenti nelle fonti rinnovabili, nelle nuove tecnologie pulite in ambito marittimo, per l’efficienza energetica nel settore civile e industriale, per l’uso dell’idrogeno nell’industria pesante. “L’Italia – ha sottolineato il ministro della Transizione ecologica – è fortemente impegnata sul fronte dell’innovazione con una partnership internazionale che la vede guidare assieme a Gran Bretagna e Cina ‘the mission power’, che punta a dimostrare che i sistemi energetici in differenti condizioni geografiche e climatiche possono essere integrati fino a raggiungere il 100% di uso di fonti rinnovabili come l’eolico e il solare”. Il nostro Paese punta, al contempo, alla condivisione della nuova ‘Missione Idrogeno’. Tutti temi questi che – ha concluso Cingolani – saranno ripresi e ribaditi nel corso della ministeriale G20 clima ed energia che si svolgerà a Napoli a luglio.

La delegazione statunitense ha aggiunto molta sostanza: dopo un recente annuncio di espandere in modo significativo la distribuzione eolica offshore negli Stati Uniti, il piano infrastrutturale da 2.000 miliardi di dollari di Biden include una quota significativa che è direttamente o indirettamente correlata alla riduzione delle emissioni e al potenziamento delle infrastrutture legate all’energia.

Il piano Biden include uno “standard per l’elettricità pulita”, che contribuirebbe ad alimentare una transizione verso un’energia pulita al 100% entro il 2035 e diverse “politiche di giustizia ambientale”.

Il piano include anche un’estensione degli incentivi rinnovabili esistenti, noti come “crediti d’imposta sulle energie rinnovabili”, incentivi per la distribuzione delle linee di trasmissione, energia pulita per gli edifici del governo federale e ricerca su nuove tecnologie come la cattura del carbonio e l’idrogeno. Prevede inoltre di eliminare tutti i sussidi ai combustibili fossili negli Stati Uniti.

Costruiremo la nostra rete, ridurremo le nostre emissioni, aumenteremo in modo molto significativo“, ha detto l’inviato statunitense per il clima John Kerry. “Non voglio rimproverare”, ha detto Kerry. “ ..ma la realtà è che nessuno di noi può arrivarci da solo. Non possiamo ignorare, volenti o nolenti, i prossimi 10 anni “.

Latest article