venerdì, 19 Agosto 2022

Gli Emirati Arabi Uniti si allineano al COP26 con un piano ambizioso di riduzione di emissioni del metano

Gli Emirati Arabi Uniti si sono impegnati a implementare le tecnologie avanzate, tra cui droni e satelliti, e a  decarbonizzare il gas naturale attraverso la produzione di idrogeno blu,  al fine di migliorare ulteriormente le proprie prestazioni di riduzione delle emissioni libere del metano.  Il Paese ha aderito all’impegno globale di ridurre le emissioni di metano del 30% nel 2030 rispetto ai livelli del 2020. 

Al 2 novembre 2021, alla Conferenza COP 26 della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) attualmente in corso,  103 nazioni hanno aderito all’impegno globale di riduzione delle emissioni di  metano. Quindici dei maggiori emettitori di metano del mondo, tra cui l’ Unione Europea, gli Stati Uniti, Regno Unito, Indonesia e Iraq, hanno firmato l’impegno, che è volontario e non vincolante. Tuttavia, Cina, India, Russia e Australia devono ancora impegnarsi per raggiungere l’obiettivo. 

Gli Emirati Arabi Uniti sostengono di essere una delle nazioni meno intense nelle emissioni di metano al mondo a seguito di iniziative che durano da cinque decenni per ridurre del 90% il volume del gas naturale bruciato nel settore energetico domestico. L’industria degli idrocarburi degli Emirati Arabi Uniti oggi detiene una delle intensità di metano più basse al mondo dello 0,01%. 

Oltre agli Emirati Arabi Uniti e all’Iraq, anche l’Arabia Saudita ha fissato un obiettivo di riduzione delle perdite di metano del 30% entro la fine del decennio. 

Un potente gas serra, il metano è il secondo maggior contribuente al cambiamento climatico dopo l’anidride carbonica. L’agricoltura, lo smaltimento dei rifiuti e la produzione di combustibili fossili rappresentano il 60% delle emissioni di metano a livello globale. 

Secondo il Global Methane Assessment delle Nazioni Unite, ridurre drasticamente le emissioni di metano è fondamentale per evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici. Ridurre le emissioni di metano fino al 45% in questo decennio eviterebbe un riscaldamento di quasi 0,3 gradi Celsius entro il 2045. A sua volta, ciò potrebbe aiutare a frenare l’aumento delle temperature globali a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali, un obiettivo dell’accordo di Parigi.

Latest article