lunedì, 15 Agosto 2022

Gli Emirati Arabi Uniti puntano al ‘net zero’ entro il 2050

Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato l’obiettivo di azzerare le emissioni di carbonio entro il 2050. In un tweet, lo sceicco Mohammed bin Rashid al-Maktoum, vicepresidente e sovrano di Dubai, ha annunciato che 600 miliardi di AED (circa 150 miliardi di Euro) sarebbero stati investiti nello sviluppo di fonti di energia pulite e rinnovabili nei prossimi tre decenni

Nel dicembre 2020, il secondo piano nazionale (NDC) degli Emirati Arabi Uniti si era impegnato a ridurre le emissioni di gas serra del 23,5%, pari a 70 milioni di tonnellate, entro il 2030. Secondo il Piano energetico degli Emirati Arabi Uniti per il 2050, lanciato nel 2017, il paese mira ad aumentare il contributo dell’energia pulita al mix energetico totale dal 25% al ​​50% entro il 2050 (44% da rinnovabili e 6% da nucleare). Mira inoltre a ridurre l’impronta di carbonio delle attività di generazione di energia del 70% entro la fine del 2050, con un risparmio totale di 700 miliardi di AED (192 miliardi di dollari).

Commentando l’ambizioso obiettivo energetico degli Emirati Arabi Uniti, Awaidha Murshed al-Marar, presidente del Dipartimento dell’energia di Abu Dhabi, ha dichiarato: “L’annuncio del net-zero degli Emirati Arabi Uniti crea slancio per noi in vista della conferenza sul clima COP26 a Glasgow il mese prossimo e consolida il nostro stato posizionato come uno dei principali contributori allo sforzo globale per ridurre gli impatti dei cambiamenti climatici. Abbracciamo il nostro ruolo nell’accelerare una transizione verde che capitalizzi la crescita economica e la protezione ambientale e continueremo a sfruttare le nostre risorse e iniziative per fornire energia sostenibile e soluzioni idriche a beneficio del nostro emirato, della nostra nazione e del mondo in cui viviamo “, ha detto Al-Marar.

In oltre un decennio, Abu Dhabi ha ottenuto risultati notevoli nell’impiego di energia pulita e nell’attuazione di misure di efficienza energetica, due componenti fondamentali della nostra transizione energetica e chiave per raggiungere gli obiettivi nazionali di mitigazione del clima e sviluppo sostenibile. Ad esempio, con i nostri progetti solari fotovoltaici, tra cui l’ammiraglia Noor Abu Dhabi da 1.177 MW e l’impianto fotovoltaico da 2 GW Al-Dhafra, nonché la centrale nucleare pacifica di Barakah, prevediamo che l’elettricità dell’emirato nel 2025 provenga quasi del 7% dal solare e il 47% dal nucleare. Ciò significa che in soli cinque anni Abu Dhabi produrrà quasi il 55% della sua elettricità da fonti pulite, dimezzando le emissioni di CO2 associate al settore energetico. Inoltre, la strategia di gestione della domanda e di efficienza energetica di Abu Dhabi è già in atto e prevede di ridurre il consumo di elettricità dell’emirato del 22% e il consumo di acqua del 32% entro il 2030, evitando l’emissione di oltre 9 milioni di tonnellate di CO2 dall’atmosfera. .”

Latest article