lunedì, 15 Agosto 2022

Gli Emirati Arabi Uniti hanno il potenziale per diventare un grande hub di produzione dell’idrogeno

Secondo un consigliere ministeriale, il paese sta aggiornando la sua strategia 2050 con un ruolo potenziale maggiore per l’idrogeno. Enfasi sull’ accordo con Snam

26 Aprile, 2021

La Redazione

Gli Emirati Arabi Uniti potrebbero diventare una base per la produzione per apparecchiature per la nascente economia dell’idrogeno, poiché cercano di aggiungere il carburante alternativo al loro futuro mix energetico, a detta di un consulente importante del Ministero dell’Energia e delle Infrastrutture degli Emirati Arabi.

Essendo uno dei primi in questa regione ad iniziare a prepararci per l’idrogeno, pensiamo che ci sia un’opportunità per noi di essere anche un produttore di alcune delle apparecchiature per la produzione di idrogeno“, ha detto Yousif Al Ali alla conferenza World Hydrogen MENA, che ha avuto luogo online la scorsa settimana.

Gli Emirati Arabi Uniti, un importante produttore di petrolio dell’OPEC, cercano di diversificare il proprio mix energetico allontanandolo dagli idrocarburi. Il paese genera gran parte della sua energia dal gas naturale e prevede di aggiungere il 50% di capacità rinnovabile entro il 2050.

La quantità di energia generata dall’energia rinnovabile negli Emirati Arabi Uniti aumenterà al 21% nel 2030 e al 44% entro il 2050, dal 7% dello scorso anno, con l’arrivo online di nuovi progetti, secondo Rystad Energy.

Gli Emirati Arabi Uniti stanno aggiornando la loro strategia 2050 con un ruolo potenziale maggiore per l’idrogeno, ha affermato Al Ali. “Nel 2017 abbiamo pubblicato la nostra strategia energetica 2050, che dovrebbe essere rivista entro il 2022. L’idrogeno sarà una parte molto importante di questa nuova strategia“, ha affermato.

A livello globale, l’industria dell’idrogeno dovrebbe crescere fino a 183 miliardi di dollari entro il 2023, da 129 miliardi di dollari nel 2017, secondo Fitch Solutions. La banca d’investimenti francese Natixis stima che gli investimenti nell’idrogeno supereranno i 300 miliardi di dollari entro il 2030.

Gli Emirati Arabi Uniti stanno elaborando una tabella di marcia completa su come posizionarsi al meglio come esportatore di idrogeno, ha affermato Al Ali.

All’inizio di quest’anno, le entità statali Abu Dhabi National Oil CompanyMubadala Investment Company e la holding ADQ, hanno formato un’alleanza per l’idrogeno per aumentare le capacità di produzione.

Ci sarà molta attenzione sulla produzione di idrogeno blu, essendo noi un produttore di idrocarburi e avendo le fonti naturali“, ha detto Al Ali.

L’idrogeno blu si riferisce al combustibile pulito prodotto attraverso il reforming del metano a vapore, e poi depurato con un impianto CCS.

ADNOC, che produce già 300.000 tonnellate di idrogeno all’anno per le sue operazioni a valle, prevede di aumentare significativamente la sua produzione.

L’azienda prevede di espandere la propria capacità di produzione di gas pulito a oltre 500.000 tonnellate.

Gli Emirati Arabi Uniti stanno anche cercando di sviluppare capacità per l’idrogeno verde, che si riferisce al gas prodotto attraverso l’elettrolisi alimentato da fonti rinnovabili.

Il paese prevede di sfruttare l’energia nucleare come carico di base per alimentare la produzione di idrogeno in futuro. L’energia nucleare fornisce una capacità di carico di base stabile, a differenza delle fonti variabili come l’eolico e il solare.

È possibile allocare la produzione nucleare per le industrie, compreso l’idrogeno, al fine di consentire ad altre fonti di elettricità di soddisfare la variabilità della domanda qui negli Emirati Arabi Uniti“, ha detto Al Ali.

Il mese scorso, il governo degli Emirati Arabi Uniti ha approvato un sistema nazionale per i veicoli a idrogeno mentre il paese aumenta la produzione di varianti blu e verdi del carburante.

In questo contesto la AE Mubadala Investment Company e la Snam avevano concordato un mese fa di esplorare i progetti di produzione di idrogeno per investimenti e sviluppo congiunto negli Emirati Arabi Uniti e altrove.

Latest article