mercoledì, 17 Agosto 2022

Equinor e SSE Thermal costruiranno una centrale innovativa a idrogeno e una con l’impianto CCS

La multinazionale norvegese Equinor e la divisione Thermal della utility britannica SSE hanno annunciato piani per lo sviluppo congiunto di due centrali elettriche a basse emissioni di carbonio, uniche nel loro genere, nella regione britannica di Humber

13 Aprile, 2021

La Redazione

I piani includono le prime centrali elettriche del Regno Unito con tecnologia CCS – cattura e stoccaggio del carbonio, e la prima centrale elettrica al mondo alimentata al 100% da idrogeno. Questa iniziativa, sostenuta da un nuovo accordo di cooperazione tra le due società, accelererebbe la decarbonizzazione della regione di Humber, il cluster industriale più grande e ad alta intensità di carbonio del Regno Unito.

Le due nuove centrali decarbonizzate, Keadby 3 e Keadby Hydrogen, sostituirebbero la vecchia generazione ad alta intensità di carbonio sulla rete elettrica, fornendo energia flessibile ed efficiente per supportare la generazione rinnovabile intermittente e mantenere la sicurezza dell’approvvigionamento attraverso la transizione ‘net zero’.

Keadby 3 potrebbe soddisfare il 15% dell’obiettivo di cattura del carbonio di 10Mln di tonnellate annue entro il 2030, mentre Keadby Hydrogen potrebbe soddisfare un terzo dell’obiettivo di produzione di idrogeno di 5 GW.

Keadby 3 sarebbe una centrale elettrica da 900 MW alimentata a gas naturale e dotata di tecnologia CCS – cattura del carbonio, per rimuovere la CO2 dalle sue emissioni. La CO2 catturata sarebbe quindi trasportata utilizzando condutture condivise prima di essere immagazzinata in modo sicuro nel Mare del Nord meridionale. Keadby 3 avrebbe il potenziale per essere avviata entro il 2027, in linea con le ambizioni del governo per i progetti di cluster industriali “Track 1”.

La centrale elettrica di Keadby Hydrogen avrebbe una domanda massima di 1.800 MW di idrogeno, producendo zero emissioni al punto di combustione. Con i meccanismi politici appropriati in atto, Keadby Hydrogen potrebbe essere avviata entro la fine di questo decennio.

I progetti Keadby 3 e Keadby Hydrogen sono entrambi in fase di sviluppo. Le decisioni finali di investimento dipenderanno dal progresso del contesto politico commisurato al percorso ‘net zero’ del paese. I progetti utilizzerebbero la nuova infrastruttura di idrogeno e CO2 costruita in parallelo e sviluppata dalla partnership Zero Carbon Humber (ZCH) – che include Equinor e SSE Thermal – e l’infrastruttura di CO2 offshore sviluppata dalla Northern Endurance Partnership (NEP) di sei membri, che include Equinor. Sia ZCH che NEP hanno vinto in marzo un finanziamento pubblico dall’Industrial Strategy Challenge Fund del Regno Unito. Il progetto H2H Saltend di Equinor sarà il primo a connettersi all’infrastruttura ZCH e arriverà online entro la metà degli anni ’20. Come l’idrogeno aggiuntivo che verrebbe prodotto per il progetto Keadby Hydrogen, H2H Saltend fornirà idrogeno a basse emissioni di carbonio a clienti già identificati. Come parte dell’accordo, SSE Thermal ed Equinor stanno anche sviluppando opzioni per la miscelazione dell’idrogeno nel progetto Keadby 2 di SSE Thermal (già in costruzione), con l’obiettivo di decarbonizzare progressivamente la centrale elettrica più nuova ed efficiente del Regno Unito.

Kwasi Kwarteng, Segretario di Stato per le imprese, l’energia e la strategia industriale, ha dichiarato: “La regione di Humber è al centro del nostro impegno per affrontare il cambiamento climatico ed è già in prima linea nello sviluppo di tecnologie pulite che cambieranno il modo col quale le case e le imprese sono alimentate mentre riducono le emissioni. Questa nuova partnership garantirà che la prima tecnologia mondiale venga sviluppata a Scunthorpe e in tutto l’Humber, creando posti di lavoro verdi e portando nuovi investimenti a beneficio delle comunità e delle imprese locali, rivitalizzando questo cuore industriale mentre il Regno Unito ricostruisce più verde”.

Stephen Wheeler, amministratore delegato di SSE Thermal, ha dichiarato: “Siamo lieti di annunciare questo accordo con Equinor attraverso il quale miriamo a sviluppare queste prime centrali elettriche a basse emissioni di carbonio. Questi progetti avrebbero un ruolo importante nella decarbonizzazione della capacità di generazione flessibile del Regno Unito, sostenendo nel contempo una ripresa economica verde nell’Humber”.

Ha aggiunto: “Con oltre 12 milioni di tonnellate di emissioni annuali di carbonio, la regione del Humber deve essere al centro della strategia di decarbonizzazione del Regno Unito, mettendo insieme le grandi aziende energetiche e industriali “.

Latest article