domenica, 27 Novembre 2022

Equinor e Gassco mirano a un enorme gasdotto per l’esportazione di idrogeno dalla Norvegia

17 febbraio 2021

Redazione – riassunto da Upstream

Equinor e l’operatore norvegese del sistema del gas Gassco inviteranno i principali attori industriali a un progetto industriale congiunto per studiare il potenziale di un enorme gasdotto per l’esportazione di idrogeno blu dalla Norvegia all’Europa continentale. La coppia sta già conducendo uno studio sulla possibile pipeline. L’idrogeno blu viene creato dividendo il gas naturale in idrogeno e anidride carbonica e include la cattura e lo stoccaggio del carbonio.

Il vicepresidente di Equinor per lo sviluppo del business per CCS e idrogeno, Steinar Eikaas, ha detto a Upstream che qualsiasi gasdotto di questo tipo dovrebbe essere molto grande per avere un senso commerciale. “Un potenziale nuovo gasdotto di idrogeno dalla Norvegia al (blocco dell’Unione europea) sarebbe in grado di trasportare tra 50 e 100 terawattora di idrogeno all’anno e potrebbe essere operativo nella prima parte degli anni ’30“, ha affermato. In confronto, l’intero consumo di elettricità dei Paesi Bassi è stato di 114 TWh nel 2019, secondo Enerdata. Secondo Eikaas, il fattore limitante non è il tempo necessario per costruire il gasdotto o i riformatori del gas, ma lo sviluppo del mercato per volumi così grandi di idrogeno a emissioni zero nell’UE. “Lavoriamo con offtakers, come aziende produttrici di acciaio e di energia flessibile. Questi settori hanno singoli clienti che rappresentano grandi volumi di domanda, il che è importante per avviare il mercato dell’energia a idrogeno e costruire una scala sufficiente in anticipo “, ha affermato Eikaas.

Un portavoce di Gassco ha confermato che la società sta partecipando allo studio di un gasdotto di esportazione dell’idrogeno norvegese. “Il nostro compito è valutare le opportunità tecniche che ci sono e le dimensioni di un tale gasdotto“, ha detto il portavoce, aggiungendo che spetterà al mercato e ai potenziali investitori determinare se un gasdotto debba essere costruito. Eikaas ha affermato che Equinor – guidato dall’amministratore delegato Anders Opedal – avvierà presto un progetto industriale congiunto (JIP) insieme all’istituto di ricerca tecnologica Sintef e alla Federation of Norwegian Industries. “Inviteremo i principali attori industriali della Norvegia a partecipare. Lo scopo è creare un quadro comune per progetti su larga scala a basse emissioni di carbonio e di energia rinnovabile in Norvegia “, ha affermato.

Eikaas ha spiegato che un impianto di idrogeno blu avrebbe bisogno di dimensioni significative per renderlo praticabile, potenzialmente 10 volte più grande dell’impianto di produzione di metanolo di Equinor a Tjeldbergodden in Norvegia, che ha una capacità di produzione annuale di circa 900.000 tonnellate di metanolo.

L’ubicazione di un potenziale impianto di idrogeno è incerta, ma un’opzione potenziale è vicino al progetto di stoccaggio del carbonio dell’aurora boreale in costruzione. Il progetto – dove Equinor è affiancato da Total e Shell – consentirà il trasporto, la ricezione e il sequestro di CO2 negli strati geologici nel Mare del Nord settentrionale, a circa 2600 metri sotto il fondo del mare. Il progetto Northern Lights fa parte del progetto norvegese Long Ship. Questo progetto su grande  scala include la cattura della CO2 da fonti industriali nella regione del fiordo di Oslo e il trasporto della CO2 liquida da questi siti a un terminale a terra sulla costa occidentale della Norvegia. Da lì, la CO2 liquefatta sarà trasportata tramite un gasdotto in un luogo di stoccaggio permanente sottomarino nel Mare del Nord.  

Equinor sta anche studiando il potenziale per la produzione di idrogeno blu più vicino agli utenti finali in Europa – incluso il progetto Hydrogen to Humber Saltend nel Regno Unito – e per l’idrogeno verde, costituito da energia rinnovabile attraverso un processo chiamato elettrolisi. Equinor ha recentemente aderito al più grande progetto europeo sull’idrogeno verde, NortH2, gestito da Shell.

Latest article