venerdì, 19 Agosto 2022

DNV afferma che l’elettrificazione da sola non raggiungerà gli obiettivi climatici dell’accordo di Parigi

Un nuovo studio con le previsioni della transizione energetica della prestigiosissima società di consulenza norvegese  DNV ha avvertito che anche se tutta l’elettricità fosse “verde” da oggi in poi, il mondo sarà ancora molto lontano dal raggiungere le ambizioni di zero emissioni nette per il 2050 dell’accordo di Parigi COP21.

L’Energy Transition Outlook di DNV, giunto al suo quinto anno e lanciato due mesi prima della COP26 di Glasgow, fornisce una previsione indipendente degli sviluppi del sistema energetico globale fino al 2050:

• È in corso una massiccia espansione globale dell’elettrificazione, ma non sarà sufficiente per soddisfare l’accordo di Parigi

• I settori difficili da decarbonizzare – industria pesante, trasporti marittimi, autotrasporti e aviazione – necessitano ora di ricerca, sviluppo e investimenti significativi

La riduzione dei costi dell’idrogeno potrebbe richiedere 20 anni e, anche se accelerata, arriverà  troppo tardi per avere l’impatto necessario oggi

Il ritmo della transizione energetica non ha superato le previsioni risalenti a quattro anni fa: è ancora previsto un aumento della temperatura globale di 2,3°C entro la fine del secolo

La pandemia globale è causa di un'”opportunità persa” per accelerare la transizione energetica: i pacchetti di recupero da Covid-19 stanno proteggendo piuttosto che trasformare le industrie esistenti

Il rapporto del 2021 evidenzia la pandemia globale come una “opportunità persa” per accelerare la transizione energetica, poiché i pacchetti di recupero da Covid-19 si sono in gran parte concentrati sulla protezione piuttosto che sulla trasformazione delle industrie esistenti.

L’elettrificazione è in procinto di raddoppiare le sue dimensioni e le energie rinnovabili sono già la fonte più competitiva di nuova generazione di energia elettrica, tuttavia, le previsioni di DNV mostrano che le emissioni globali si ridurranno solo del 9% entro il 2030.

L’accordo di Parigi COP21 aveva lo scopo di mantenere il riscaldamento globale “ben al di sotto dei 2°C” e cercare di limitarne l’aumento a 1,5°C.

Per quanto rapida sia la transizione, la previsione di DNV è che, nonostante tutti gli sforzi compiuti, non sarà abbastanza veloce da consentire al mondo di raggiungere le ambizioni dell’accordo di Parigi e avverte che il pianeta molto probabilmente raggiungerà il riscaldamento globale di 2,3 ° C entro la fine del secolo.

Remi Eriksen, Group President e CEO di DNV, ha dichiarato: “Abbiamo visto i governi di tutto il mondo adottare misure straordinarie per gestire gli effetti della pandemia e stimolare la ripresa. Tuttavia, sono profondamente preoccupato per ciò che servirà ai governi per applicare al nostro clima la risoluzione e l’urgenza che hanno mostrato di fronte alla pandemia. Ora dobbiamo avere lo stesso senso di urgenza per evitare una catastrofe climatica».

Molti dei pacchetti di recupero dalla pandemia si sono in gran parte concentrati sulla protezione, piuttosto che sulla trasformazione, delle industrie esistenti. Un sacco di “costruire indietro” invece di “costruire meglio” e sebbene questa sia un’opportunità persa, non è l’ultima che abbiamo per passare più velocemente a un sistema energetico profondamente decarbonizzato“.

L’efficienza energetica rimane la più grande opportunità per affrontare il cambiamento climatico mentre il mondo si allontana sempre più dal raggiungimento di Parigi. Garantire un miglioramento significativo in quest’area vitale è visto come la leva più significativa per la transizione: il raggiungimento di una maggiore efficienza è il motivo per cui la domanda globale di energia si stabilizza, anche con la crescita della popolazione e dell’economia globali.

Le riduzioni nell’uso dei combustibili fossili sono notevolmente rapide, tuttavia queste fonti, in particolare il gas, costituiranno ancora il 50% del mix energetico globale entro il 2050, rendendo ancora più importante la necessità di investire e ridimensionare l’idrogeno e la cattura e lo stoccaggio del carbonio. La domanda del petrolio sembra destinata a dimezzarsi, con il consumo di carbone ridotto a un terzo entro la metà del secolo.

ETO 2021 rivela anche che il 69% dell’energia connessa alla rete sarà generata da vento e dal solare nel 2050. L’ elettrificazione indiretta (idrogeno ed e-combustibili) e i biocarburanti rimangono critici, ma nessuna di queste fonti vedranno una riduzione dei costi abbastanza rapida.

L’idrogeno è il vettore energetico che detiene il più alto potenziale per affrontare le emissioni difficili da abbattere, tuttavia, le previsioni indicano che l’idrogeno inizierà a diventare rilevante in grandi quantità  solo dalla metà degli anni 2030 e, anche allora, raggiungerà solo il 5% del mix energetico entro il 2050.

Saranno necessarie azioni straordinarie per portare l’economia dell’idrogeno a pieno regime prima, ma questi sono tempi straordinari. La finestra per evitare un catastrofico cambiamento climatico si sta chiudendo presto e i costi per non farlo sono inimmaginabili“, afferma Remi Eriksen.

Latest article