domenica, 27 Novembre 2022

Con l’idrogeno e il nucleare – il piano Macron da 30 mld € per ‘reindustrializzare’ la Francia

Martedì il presidente francese Emmanuel Macron ha lanciato un piano di investimenti da 30 miliardi di euro progettato per rendere la Francia un leader globale dell’innovazione in settori come l’industria verde, la tecnologia digitale e bio, la salute e lo spazio.

Svelata all’Eliseo davanti a un pubblico di studenti e imprenditori, la roadmap a lungo termine, soprannominata “Francia 2030”, mira a “reindustrializzare” il Paese.

Parlando sei mesi prima delle elezioni presidenziali, Macron ha affermato che la Francia diventerà leader nell’idrogeno verde entro il 2030, annunciando “massicci investimenti” per la decarbonizzazione industriale attraverso l’energia nucleare e le energie rinnovabili.

Un miliardo di euro va gettato nel nucleare: “Dobbiamo sviluppare reattori nucleari piccoli e innovativi in ​​Francia entro il 2030, con una migliore gestione dei rifiuti“, ha affermato Macron.

Siamo pronti a investire un miliardo di euro in questo entro il 2030, partendo molto rapidamente con progetti iniziali molto chiari“.

La Francia ha esercitato pressioni sulla Commissione europea per includere l’energia nucleare nella sua tassonomia verde, un elenco di riferimento delle fonti energetiche sostenibili che potrebbero beneficiare della finanza verde.

Lo schema allontana il capitale privato dalle attività economiche potenzialmente rischiose, ma questo capitale ed è essenziale per il successo del piano 2030 di Macron, soprattutto considerando che l’energia nucleare genera oltre il 70% del fabbisogno elettrico della Francia.

Anche sulle carte per la visione 2030 di Macron c’erano i piani per produrre circa 2 milioni di veicoli elettrici e ibridi.

Gli ultimi 30 anni sono stati crudeli per l’industria automobilistica francese“, ha affermato Macron, aggiungendo che il raggiungimento di questo obiettivo richiederebbe un’efficace cooperazione tra i principali produttori.

Altrove, sono stati individuati come importanti aree di investimento anche la produzione di acciaio, il settore del cemento e il settore chimico, nonché il trasporto su camion, autobus, ferroviario e aereo.

Macron ha sostenuto che la strategia 2030 era urgentemente necessaria per colmare un deficit di 15-20 anni che aveva lasciato la Francia in ritardo rispetto ai suoi vicini europei in molti settori dell’innovazione e della ricerca.

Latest article