lunedì, 15 Agosto 2022

Chevron triplica gli investimenti in attività ‘a basse emissioni di carbonio’, con 10 miliardi di dollari fino al 2028

Il produttore petrolifero statunitense Chevron si è impegnato a triplicare a 10 miliardi di dollari i suoi investimenti in combustibili e progetti a basse emissioni di carbonio fino al 2028, nonostante le pressioni per rilanciare i mercati dell’energia pulita.

I produttori di petrolio di tutto il mondo hanno intensificato i piani per passare a una produzione a minore intensità di carbonio. Gli azionisti e i governi insistono affinché affrontino il loro ruolo nei cambiamenti climatici e traccino un percorso per ridurre drasticamente le emissioni di gas serra entro il 2050.

Chevron ha delineato i piani per sviluppare l’energia dell’idrogeno, i biocarburanti e la cattura del carbonio. Ha riaffermato l’obiettivo di ridurre l’intensità dei gas serra del 35% fino al 2028, rispetto ai livelli del 2016 dalla sua produzione di petrolio e gas. Si tratta di una strategia a doppio binario: da un lato, l’ idrogeno verde, prodotto da fonti rinnovabili; dall’ altro, l’ idrogeno blu, prodotto dal gas naturale accompagnato dalla cattura delle emissioni di anidride carbonica.

I produttori di petrolio europei hanno piani ambiziosi per abbandonare i combustibili fossili con grandi investimenti nelle rinnovabili. Chevron, ExxonMobil e Occidental Petroleum hanno cercato di ridurre le emissioni di carbonio per unità di prodotto, sostenendo la cattura e lo stoccaggio del carbonio.

BP  ha affermato che investirà 3-4 miliardi di dollari all’anno in progetti a basse emissioni di carbonio entro il 2025 e ridurrà la produzione di petrolio e gas del 40% nel prossimo decennio. Royal Dutch Shell a febbraio ha stabilito investimenti annuali di 2-3 miliardi di dollari in energia pulita.

Chevron ha affermato che amplierà la produzione di gas naturale rinnovabile a 40 miliardi di BTU al giorno e aumenterà la capacità di produzione di combustibili rinnovabili a 100.000 barili al giorno per soddisfare la domanda dei clienti di diesel rinnovabile e carburante per aviazione sostenibile.

Con la prevista forte generazione di cassa della nostra attività di base, prevediamo di aumentare il nostro dividendo, riacquistare azioni e investire in attività a basse emissioni di carbonio“, ha dichiarato l’amministratore delegato Michael Wirth in una nota.

Chevron prevede di aumentare la produzione di idrogeno a 150.000 tonnellate all’anno per rifornire clienti industriali, energetici e di trasporto pesante e aumentare la cattura e la compensazione del carbonio a 25 milioni di tonnellate all’anno sviluppando hub regionali insieme ad altri.

Il suo obiettivo è compensare le emissioni dalla produzione di petrolio e gas, non ridurre la produzione di petrolio, hanno affermato gli ambientalisti.

Il nuovo annuncio di Chevron non rappresenta un cambiamento strategico particolarmente ampio“, ha affermato Axel Dalman, analista associato della società di ricerca sui cambiamenti climatici Carbon Tracker. “L’elemento principale è che hanno in programma di spendere di più in linee di business a ‘basse emissioni di carbonio’“.

La società quest’anno ha annunciato la creazione di una nuova unità per gestire gli investimenti a basse emissioni di carbonio del secondo produttore di petrolio degli Stati Uniti, con un focus iniziale su fonti energetiche alternative come l’idrogeno e le tecnologie per la cattura del carbonio.

Latest article