domenica, 27 Novembre 2022

BP firma nuovi accordi per sostenere la produzione dell’idrogeno blu nel Regno Unito

BP ha raggiunto accordi commerciali con potenziali nuovi clienti per il suo nuovo complesso di produzione di idrogeno blu a H2Teeesside nel nord-est dell’Inghilterra.

La supermajor britannica ha dichiarato giovedì di aver firmato nuovi memorandum d’intesa con quattro possibili clienti. Tre — CF Fertilisers, Mitsubishi Chemical Corporation e Sembcorp Energy UK — hanno tutti siti nelle vicinanze e stanno cercando di decarbonizzare le loro operazioni passando dall’uso del gas naturale all’idrogeno.

BP ha anche concordato un protocollo d’intesa con Alfanar Company per definire la fornitura di idrogeno per un impianto di produzione di combustibile sostenibile per l’aviazione partendo da rifiuti, ora in fase di sviluppo.

I nuovi accordi seguono un primo protocollo d’intesa firmato a marzo con il produttore di prodotti chimici Venator e il distributore di gas Northern Gas Networks.

H2Teesside è destinato a diventare il più grande impianto di idrogeno del Regno Unito con una capacità di produzione fino a 1 gigawatt del cosiddetto idrogeno blu, prodotto dalla scissione del gas naturale in idrogeno e CO2. La CO2 verrà quindi catturata e immagazzinata nel sottosuolo, con la  supermajor che in precedenza aveva affermato che sta esplorando tecnologie per catturare fino al 98% delle emissioni dal processo di produzione.

Se tutto andrà secondo i piani, la BP potrebbe prendere la decisione finale di investimento su H2Teesside all’inizio del 2024 e la produzione potrebbe iniziare entro il 2027.

Il progetto sarebbe sviluppato in più fasi, con una capacità iniziale di 500 megawatt di idrogeno blu  prodotta entro il 2027 e capacità aggiuntiva da implementare entro il 2030 man mano che accelerano la decarbonizzazione dell’industria vicina e la domanda di idrogeno.

Latest article