venerdì, 2 Dicembre 2022

Aramco, Air Products, ACWA finalizzano il progetto da $ 12 miliardi per l’idrogeno saudita

Saudi Aramco e altri tre partner hanno concluso un accordo per il finanziamento di un progetto con tecnologia IGCC da 12 miliardi di dollari per produrre idrogeno ed energia elettrica nella città meridionale del regno saudita di Jazan, come parte dello sforzo del più grande esportatore di petrolio al mondo di trasformarsi e produrre energia piu’ pulita.

Saudi Aramco, la statunitense Air Products e la sua affiliata Air Products Qudra e  ACWA Power con sede a Riyadh sono già partner nella joint venture per la gassificazione dei residui da raffineria e per produrre l’energia elettrica nella nuova zona economica della città di Jazan, ha affermato Aramco in una dichiarazione del 27 settembre.

Air Products Qudra è una joint venture tra Air Products e Qudra Energy, una società saudita di energie rinnovabili fondata nel 2017 a Riyadh.

Aramco ha una partecipazione del 20% nella joint venture attraverso la sua unità Saudi Aramco Power Co. Air Products possiede il 46%, ACWA Power il 25% e Air Products Qudra il 9%. La joint venture è stata annunciata per la prima volta nel 2018.

La JV sta acquistando le ASU (unità di separazione dell’aria), la gassificazione, la pulizia del syngas, i servizi pubblici e le risorse energetiche da Aramco“, afferma la nota. “La JV possiede e gestisce l’impianto con un contratto di 25 anni per un canone mensile fisso. Aramco fornirà materie prime alla JV e la JV produrrà energia, vapore, idrogeno e altri servizi per Aramco“.

La joint venture serve la raffineria di Jazan da 400.000 b/g di Aramco, che produce prodotti tra cui diesel e benzina a zolfo ultraleggero.

Riteniamo che la JV migliorerà il valore complessivo della raffineria e della centrale elettrica a ciclo combinato di gassificazione integrata e aiuterà a trasformare la provincia posizionando la città economica di Jazan per ulteriori investimenti stranieri e coinvolgimento del settore privato“, dichiara Mohammed al-Qahtani, vicepresidente senior di downstream ad Aramco, si legge nel comunicato.

Ahmed al-Khowaiter, Chief Technology Officer di Aramco, spera di avere una buona domanda globale di mercato globale dell’idrogeno entro il 2030. Aramco ha un volume target di idrogeno che sarà in grado di produrre per allora, ma la società non rivelerà pubblicamente quale sia quel numero, ha detto recentmente  Khowaiter in un briefing con i media.

La città a zero emissioni di carbonio dell’Arabia Saudita, Neom, nel luglio 2020 ha formato una joint venture con Air Products e ACWA Power per creare un progetto di idrogeno verde da 5 miliardi di dollari, che dovrebbe produrre circa 1,2 milioni di tonnellate all’anno di ammoniaca entro il 2025.

La città di Neom richiederà un “multiplo” dei 4 GW di energia rinnovabile previsti nella joint venture con Air Products, poiché l’idrogeno fornirà la base per le materie prime pulite utilizzate nella produzione di fertilizzanti, prodotti chimici e derivati ​​del petrolio, ha dichiarato Peter Terium, Amministratore Delegato di Neom per l’ energia,.

I giganti industriali sauditi – da Aramco a SABIC e Maaden – potrebbero essere coinvolti nell’utilizzo dell’idrogeno di Neom per produrre combustibili puliti, fertilizzanti e prodotti petrolchimici, ha affermato.

Neom fa parte del progetto di punta Vision 2030 del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, volto a diversificare l’economia oltre il petrolio.

Nel settembre 2020, Aramco ha anche effettuato la prima spedizione di ammoniaca blu al mondo, dall’Arabia Saudita al Giappone, per l’utilizzo nella generazione di energia.

Latest article