mercoledì, 17 Agosto 2022


Il rapporto IRENA illustra un percorso per decarbonizzare il settore marittimo entro il 2050

È necessaria un’azione urgente per accelerare il ritmo della transizione energetica globale e la decarbonizzazione dell’economia globale. I trasporti internazionali per nave sono un settore chiave dell’economia, in  quanto il 90% del commercio mondiale avviene in questo modo.  Il settore è anche uno dei più difficili da decarbonizzare.

In questo contesto,  il nuovo rapporto  A Pathway to Decarbonise the Shipping Sector by 2050 dell’ IRENA – International Renewable Energy Agency analizza il grado dello sviluppo tecnologico dei sistemi basati sui combustibili rinnovabili adatti alla navigazione internazionale. Esplora anche le opzioni e le azioni necessarie per progredire verso un settore marittimo decarbonizzato entro il 2050 e cerca di identificare un percorso di mitigazione realistico per raggiungere l’obiettivo climatico di limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C e di avvicinare le emissioni della CO2 allo zero netto,  entro la metà del secolo.

I messaggi chiave sono i seguenti:

  • La strategia della decarbonizzazione del settore deve prevedere una combinazione di efficienza energetica e di combustibili rinnovabili. A partire da ora, l’adozione attiva di misure di efficienza energetica sarà fondamentale per ridurre la domanda di energia e quindi le emissioni di CO2 nell’immediato.
  • A breve termine, i biocarburanti avanzati svolgeranno un ruolo chiave nella riduzione delle emissioni di CO2. A medio e lungo termine, i combustibili verdi a base di idrogeno invece ne saranno la spina dorsale.
  • L’e-ammoniaca rinnovabile svolgerà un ruolo fondamentale. E entro il 2050 saranno necessari 183 milioni di tonnellate di ammoniaca rinnovabile per le sole spedizioni internazionali, una quantità paragonabile alla produzione globale di ammoniaca di oggi.
  • Mentre i costi di produzione dei combustibili rinnovabili sono attualmente elevati, nei prossimi decenni i combustibili rinnovabili diventeranno competitivi in ​​termini di costi e potranno proteggere il settore marittimo dalla volatilità che caratterizza il mercato dei combustibili fossili.
  • Agire tempestivamente è vitale. La decarbonizzazione del settore può essere accelerata e le ambizioni vanno oltre gli obiettivi climatici favorendo gli investimenti nella produzione di combustibili rinnovabili. Le parti interessate devono sviluppare modelli di business più ampi e stabilire partnership strategiche che coinvolgano le industrie ad alta intensità energetica, nonché i fornitori di energia e il settore petrolchimico.

Il rapporto di IRENA mostra che con i piani appropriati e un supporto sufficiente, la decarbonizzazione del settore marittimo internazionale è fattibile.

In questo contesto, il Direttore Generale di IRENA Francesco La Camera ha dichiarato: “Tra l’80% e il 90% del commercio internazionale avviene attraverso mezzi marittimi. La decarbonizzazione del trasporto marittimo globale è uno dei settori più impegnativi da affrontare e, nonostante le ambizioni crescenti, i piani attuali non soddisfano le esigenze. Questa prospettiva IRENA mostra chiaramente che la riduzione delle emissioni di CO2 in un settore così strategico e difficile da abbattere è tecnicamente fattibile attraverso i combustibili a idrogeno verde“.

Agire tempestivamente è fondamentale“, ha aggiunto La Camera. “Possa questo rapporto incoraggiare i responsabili politici, gli armatori e gli operatori navali, le autorità portuali, gli sviluppatori di energia rinnovabile e i servizi pubblici a lavorare insieme verso obiettivi climatici comuni e mostrare la loro ambizione ai leader mondiali alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite COP26 a Glasgow”.

Latest article