venerdì, 19 Agosto 2022

Yara trova il partner per il piu’ grande impianto al mondo di ammoniaca verde

Le aziende hanno come obiettivo ridurre le emissioni dalla produzione di ammoniaca, utilizzato per facilitare l’ uso dell’ idrogeno come combustibile 

18 febbraio 2021

Andrew Marc Noel – Bloomberg Green

Yara International ASA ha dichiarato di essersi alleata con due partner per un progetto che consentirà al suo impianto chimico di punta di produrre ammoniaca e idrogeno nel modo più ecologico possibile.

Statkraft AS e Aker ASA hanno concordato di unirsi a Yara nel cambiare il suo stabilimento di Porsgrunn, in Norvegia, per funzionare con energia rinnovabile e convertire i suoi metodi di produzione per eliminare l’uso del gas naturale. Le aziende hanno affermato che così facendo si potrebbero potenzialmente ridurre 800.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno, l’equivalente delle emissioni di 300.000 automobili.

Il progetto sarebbe la prima conversione di una fabbrica esistente di produzione dell’ ammoniaca su larga scala, che può essere utilizzata per facilitare l’uso dell’idrogeno come combustibile. C’è un immenso interesse nello sviluppo di modi più economici per produrre l’ idrogeno pulito, che brucia senza produrre CO2, a causa del suo potenziale come sostituto piu’ rispettoso del clima dei combustibili fossili attualmente utilizzati in settori come la navigazione e l’aviazione.

La produzione di ammoniaca richiede ai produttori di ottenere l’idrogeno come componente chimico. Porsgrunn attualmente lo fa utilizzando gas naturale in un processo ad alta intensità di carbonio. Per produrre la cosiddetta ammoniaca verde, dovrebbe passare a fonti di energia rinnovabili  e fare affidamento su elettrolizzatori, che fanno scorrere una corrente attraverso l’acqua per separare gli atomi di idrogeno e ossigeno.

In caso di successo, Porsgrunn potrebbe innescare una conversione di massa dell’industria chimica e di altre industrie come il carburante per le spedizioni, ha affermato Christian Rynning-Tonnesen, amministratore delegato di Statkraft.

Il progetto richiederà probabilmente più di 1 miliardo di euro ($ 1,2 miliardi), secondo i calcoli di Bloomberg basati sulle stime dei costi attuali per la tecnologia e la quantità di idrogeno richiesta. Si prevede che gli elettrolizzatori diventeranno più economici nei prossimi anni con l’aumento della domanda di idrogeno pulito, il che potrebbe aiutare a ridurre i costi.

L’ammoniaca verde probabilmente costerà più dell’ammoniaca prodotta con metodi standard. Le tre società intendono cercare il sostegno del governo norvegese e dell’Unione europea per avviare un mercato che stimolerà la domanda, ha affermato Svein Holsether, CEO di Yara.

In questa fase, i partner devono solo sostenere le spese dello sviluppo preliminare, per esempio il rilevamento. I costi aumenteranno una volta avviata la conversione effettiva.

Il contributo di Yara sarà il suo sito a Porsgrunn, che ha un valore di 450 milioni di dollari. L’utilizzo dell’infrastruttura e delle competenze esistenti ridurrà “significativamente” i costi, ha affermato Holsether. Ad esempio, alcuni dei processi che Yara attualmente utilizza per produrre ammoniaca sono applicabili anche alla produzione di ammoniaca verde, una volta aggiunti gli elettrolizzatori.

Con una capacità di 450 megawatt,  Porsgrunn da solo farebbe impallidire tutta la capacità di idrogeno  aggiunta nell’ultimo decennio che era di 350 megawatt, secondo Holsether.

Se vogliamo fare qualcosa che sia davvero significativo entro il 2030, le decisioni devono essere effettivamente prese ora“, ha affermato Oyvind Eriksen, CEO di Aker, che ha interessi nella pesca e nel leasing di navi. “Non puoi aspettarti che un’industria navale si converta nella speranza che il carburante venga prodotto“.

Latest article