sabato, 26 Novembre 2022

Von der Leyen fa un discorso deciso sulla limitazione delle emissioni di carbonio

Alla conferenza ‘Berlin Energy Transition Dialogue 2021’, ieri la Presidente della Commissione Europea ha affermato con decisione che anche le altre nazioni devono seguire la strada intrapresa dell’Europa “non solo sulla carta, ma sul campo”.

17 marzo, 2021

La Redazione

Nel discorso di apertura della conferenza del Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen di ieri mattina, Santa  von der Leyen, come è spesso chiamata da quelle parti, è tornata più di una volta sul tema dell’industria siderurgica, insistendo a varie riprese sull’ esempio degli sforzi dei produttori svedesi di investire nella produzione dell’acciaio alimentata a idrogeno verde, e questo ha gettato le basi per la sua presentazione dei  piani dell’UE per una nuova frontiera energetica  carbon-free.

Cercando di raggiungere un equilibrio diplomatico delicato tra l’incoraggiamento alla Cina a partecipare alla lotta per limitare il cambiamento climatico e l’ammonizione al più grande emettitore di anidride carbonica del mondo, von der Leyen ha dichiarato: “Le aziende, per continuare sulla loro strada verso emissioni zero … devono insistere sull’equità e sulla parità di condizioni “. 

Nel settore dell’acciaio “Vogliamo che le aziende europee investano pesantemente in tecnologie costose per rendere l’acciaio verde. L’acciaio verde costa circa 100 € in più per tonnellata rispetto all’acciaio tradizionale prodotto ad alto tenore di carbonio, quindi, chiaramente, dobbiamo evitare che prodotti a basso costo dall’estero minino i nostri sforzi “.

Riferendosi al “meccanismo di aggiustamento delle frontiere del carbonio” pianificato dall’UE – al quale von der Leyen si è riferita numerose volte in modo ammirevole per intero ad ogni menzione – ha aggiunto: “Imporremo una tassa di CO2 su alcuni prodotti che entrano nell’Unione europea. Lavoriamo così duramente per ridurre le nostre emissioni. Pertanto, non possiamo accettare di importare, allo stesso tempo, emissioni dall’estero “.

Questo è un messaggio che probabilmente verrà accolto calorosamente alla Casa Bianca. Non c’è bisogno di alcuna diplomazia in punta di piedi in quei rapporti, con von der Leyen che afferma: “Devo dire che siamo davvero entusiasti che il presidente Biden abbia aderito all’accordo di Parigi nel suo primo vero giorno in ufficio. “

La Presidente della Commissione, intervenendo a questo evento nella sua nazione d’origine, ha messo in guardia contro i pericoli di un regresso dalla strada intrapresa, ma ancora una volta non è stata in grado di impedire la sensazione che il blocco sia sempre costretto a frenare le sue ambizioni a causa della necessità del consenso tra i suoi 27 Stati membri.

Ad esempio, von der Leyen ha detto: “Il carbonio deve avere il suo prezzo, la sua tassa, perché questo prezzo non puo’ essere pagato dalla natura “. Parole forti, ma si riferivano solo a un’espansione pianificata del sistema di scambio di quote di emissione dell’UE (ETS – Emissions Trading System) in nuovi settori come l’industria marittima.

Il Presidente della commissione ha continuato affermando che “Il nostro Green Deal europeo influenzerà quasi tutti gli aspetti della nostra vita quotidiana“, ma purtroppo anche un ETS ampliato non riesce a imporre una vera ‘carbon tax’ su tutte le interazioni e le decisioni nella nostra vita quotidiana.

Latest article