lunedì, 15 Agosto 2022

Uno degli uomini piu’ ricchi del pianeta, l’australiano Forrest, sostiene che il mercato dell’idrogeno verde potrebbe valere 12.000 miliardi entro 2050

Uno degli industriali piu’ ricchi del pianeta, il miliardario australiano del minerale di ferro Andrew “Twiggy” Forrest, ha fornito alcune previsioni straordinarie per l’industria dell’idrogeno rinnovabile, affermando che questo mercato potrebbe crescere fino a 12 mila miliardi di dollari entro il 2050, “molto più di qualsiasi industria esistente oggi”.

In un discorso al webinar “Infinite Australia” del Clean Energy Council, Forrest – uno degli uomini più ricchi d’Australia – ha anche annunciato il suo obiettivo di produrre 15 milioni di tonnellate di idrogeno da energia rinnovabile entro il 2030 attraverso le sue Fortescue Future Industries, e ha ridicolizzato la spinta per il gas e idrogeno blu sequestrato.

L’industria australiana dei combustibili fossili, con il sostegno del governo federale, sta spendendo somme significative cercando di produrre idrogeno da carbone e da gas, insieme alla promessa di cattura e stoccaggio del carbonio, anche se i nuovi studi sostengono che questa combinazione aumenterà piuttosto che ridurre le emissioni .

Il settore del petrolio e del gas sta facendo leva sulla speranza pubblica, e l’opportunismo politico che ciò consente, consentendo i colori dell’arcobaleno e chiamandolo idrogeno pulito, che ovviamente, essendo prodotto da combustibili fossili, è tutt’altro“, ha detto Forrest.

L’idrogeno blu, grigio, rosa, giallo non è idrogeno verde rinnovabile. E non farmi iniziare con la cortina fumogena del sequestro.

“L’argomento più recente secondo cui l’idrogeno ottenuto da combustibili fossili, le cui emissioni di carbonio hanno tentato di essere sequestrate – sepolte nel terreno – è “il nuovo verde”, è falso. Indipendentemente dal successo del sequestro, normalmente fallisce, ci sono enormi emissioni di carbonio emesse nel suo processo. Se non è verde rinnovabile, non lasciarti ingannare da nessun altro spin codificato a colori. Qualsiasi colore diverso dal verde rinnovabile è idrogeno sporco”.

Forrest afferma che il mercato dell’idrogeno verde potrebbe generare entrate per 12 mila miliardi di dollari statunitensi  entro il 2050, un’industria su scala mai vista prima di ora, poiché soddisfa le esigenze di energia pulita nei trasporti, nell’energia e nell’industria.

I piani di Forrest per la sua FFI sono di produrre 15 milioni di tonnellate di idrogeno verde rinnovabile all’anno entro il 2030, “aumentando a 50 milioni di tonnellate all’anno in seguito, una scala pari alle più grandi compagnie petrolifere e del gas di oggi“.

Questo è certamente ambizioso. Non è chiaro se Forrest si riferisca solo all’idrogeno verde o all’ammoniaca verde, ma se si tratta solo di idrogeno verde allora probabilmente avrà bisogno di vento, solare o idroelettrico su una scala di centinaia di gigawatt.

La FFI deve ancora rivelare esattamente da dove otterrà queste tecnologie a emissioni zero, anche se secondo quanto riferito ha già assicurato importanti accordi di accesso alla terra nell’Australia occidentale, in particolare nel Pilbara.

Il più grande progetto svelato fino ad oggi in Australia e nel mondo è un impianto eolico e solare da 50 GW a nord di Esperance nell’Australia occidentale, che si concentrerà sull’ammoniaca verde. Ma questo progetto, se andrà avanti, probabilmente non otterrà l’approvazione degli investimenti per almeno altri cinque anni.

Abbiamo assicurato accordi con paesi di tutto il mondo per sviluppare significative fonti di energia rinnovabile per produrre idrogeno verde rinnovabile“, ha affermato Forrest.

Perseguiremo anche in modo aggressivo progetti in tutta l’Australia e svilupperemo energia rinnovabile su una scala senza precedenti”.

Forrest afferma che l’ultimo rapporto dell’IPCC chiarisce che il mondo è in corsa per “salvare l’ambiente come lo conosciamo“. Ha detto che era una corsa verso Net Zero, e ha detto che l’incontro sul clima COP26 sponsorizzato dalle Nazioni Unite a Glasgow a novembre sarà importantissimo per il mondo.

Questa è la nostra ultima possibilità di rallentare, quindi fermare, il pianeta in cottura“, ha dichiarato.

Non sono nel business del giorno del giudizio; Sono un ottimista e sono nel business delle soluzioni. La mia risposta è idrogeno verde rinnovabile. La nostra più grande risorsa naturale non è il minerale di ferro, non è oro, non è gas, non è certamente petrolio o carbone, è idrogeno verde. L’idrogeno è di gran lunga l’elemento più comune dell’universo. Non lo esauriremo presto. Rappresenta il 75% della massa dell’universo. Per farcela, tutto ciò che devi fare è far passare l’elettricità attraverso l’acqua. Quando l’elettricità proviene dal 100% di elettricità rinnovabile, il risultato è l’idrogeno verde, l’unica fonte di energia pulita al mondo, che potrebbe sostituire fino al 75% delle nostre emissioni, se avessimo la tecnologia e la scala di oggi .

Latest article