martedì, 9 Agosto 2022

Sulla strada dell’approvazione i primi due mega-progetti CCS e idrogeno nel Regno Unito – ambedue con Eni tra i partner

Il governo del Regno Unito ha selezionato due grandi progetti cluster, guidati da major dell’energia, per ricevere i finanziamenti e sviluppare i progetti proposti per l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio a partire dal 2025.

Carbon Capture, Usage and Storage, o CCUS, sarà essenziale per soddisfare le ambizioni ‘net-zero’ del Regno Unito. Il piano in 10 punti del primo ministro del Regno Unito ha stabilito l’impegno a distribuire il CCUS in un minimo di due distretti industriali entro la metà del 2020 e quattro entro il 2030, al più tardi. L’obiettivo è utilizzare la tecnologia CCUS per catturare e immagazzinare 20-30 Mt di CO2 all’anno entro il 2030.

All’inizio di quest’anno, il governo aveva avviato un processo per determinare la sequenza con la quale avrebbe sostenuto la decarbonizzazione dei cluster industriali regionali in tutto il Regno Unito, posizionando i cluster su due binari. Il binario 1 inizierà a decarbonizzare l’industria dal 2025 e il binario 2 inizierà intorno al 2030.

Il processo di sequenziamento dei cluster ha ricevuto – attraverso il Fondo per le infrastrutture CCS –  1 miliardo di sterline per fornire al settore la certezza necessaria per implementare la CCUS in modo rapido e su grande scala. Ora e’ stata completata la prima fase della valutazione dei cinque cluster proposti.

Greg Hands, ministro di Stato per l’energia, la crescita pulita e il cambiamento climatico, ha dichiarato: “Se i cluster rappresentano un buon rapporto qualità-prezzo per il consumatore e il contribuente, quindi soggetti alle decisioni finali dei ministri, riceveranno sostegno nell’ambito del programma CCUS “.

Il ministro ha anche affermato che il cluster scozzese è stato selezionato come cluster di riserva,  se fosse necessario un backup, decisione che naturalmente ha scontentato gli scozzesi.  Questo cluster di riserva soddisfa i criteri di ammissibilità ed è stato eseguito a un buon livello rispetto ai criteri di valutazione. Pertanto, il governo continuerà a valutare il Cluster scozzese durante la Fase 2 del processo di sequenziamento, per garantire che possa continuare il suo sviluppo e la sua pianificazione. Ciò significa che se il governo scegliesse di interrompere l’impegno con un cluster in Track 1, può invece impegnarsi con questo cluster di riserva.

East Coast Cluster

Sia l’East Coast Cluster che HyNet sono stati nominati Track 1, mettendoli in rotta per l’implementazione entro la metà degli anni ’20.

Annunciando la decisione del governo martedì, HyNet ha confermato che procederà alla decarbonizzazione del nord-ovest e del nord del Galles a partire dal 2025.

David Parkin, direttore del progetto HyNet, ha dichiarato: “HyNet è guidato dalla domanda di organizzazioni e parti interessate nel nord-ovest dell’Inghilterra e nel nord del Galles, che vogliono ridurre le emissioni di carbonio a zero. A partire dal 2025, il progetto consentirà al nostro settore manifatturiero in tutta la regione di decarbonizzare, oltre a fornire l’opportunità di cambiare il modo in cui viaggiamo e il modo in cui riscaldiamo le nostre case”.

Le major energetiche Eni (leader), Essar, Progressive Energy, Cadent e Intergen sono alcuni dei partner del progetto HyNet.

L’East Coast Cluster è sviluppato invece dalla Northern Endurance Partnership, una collaborazione tra BP, Eni, Equinor, National Grid, Shell e Total, con BP in testa come operatore.

Secondo i suoi partner, l’East Coast Cluster sarà vitale per supportare l’industria a basse emissioni di carbonio e i progetti energetici in tutta la regione, compresi quelli in Net Zero Teesside e Zero Carbon Humber, due delle proposte di decarbonizzazione industriale del paese. Una volta operativo, il cluster ha il potenziale per trasportare e immagazzinare in modo sicuro quasi il 50% di tutte le emissioni di CO2 del cluster industriale del Regno Unito, fino a 27 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 all’anno entro il 2030.

Andy Lane, amministratore delegato di Northern Endurance Partnership, ha dichiarato: “Siamo lieti che l’East Coast Cluster sia stato selezionato e non vediamo l’ora di realizzare il nostro progetto, rimuovendo fino al 50% delle emissioni di CO2 di quel cluster industriale del Regno Unito, creando decine di migliaia di posti di lavoro e affermando il Regno Unito come leader nella transizione energetica”.

Louise Kingham, vicepresidente senior, Europa, e country manager, Regno Unito, per la BP, ha dichiarato: “L’East Coast Cluster può svolgere un ruolo fondamentale nell’ambizione del governo del Regno Unito  sostenendo migliaia di posti di lavoro e investendo nelle comunità locali. Teesside e Humber erano un tempo il cuore industriale del Regno Unito. L’annuncio di oggi apre loro la strada per diventare il cuore verde della transizione energetica del Paese, guidando la prossima generazione di industrie e modi di lavorare”.

Latest article