sabato, 26 Novembre 2022

Studio NABU: l’ammoniaca può sviluppare appieno il suo potenziale per la protezione del clima

L’ammoniaca verde come fonte di energia ha un grande potenziale per la protezione del clima, secondo un nuovo studio.

Lo studio, intitolato “L’ammoniaca come combustibile marino”, è stato commissionato dalla Nature and Biodiversity Union (NABU), la più grande unione tedesca per la conservazione della natura, in collaborazione con l’Öko-Institut.

L’ammoniaca ha recentemente ricevuto una crescente attenzione come potenziale combustibile marino che potrebbe favorire la decarbonizzazione delle navi. Come combustibile marino, può essere utilizzato sia nei motori a combustione interna che nelle celle a combustibile.

Nel contesto di una crescente economia dell’idrogeno, l’ammoniaca è interessante anche come la forma più economica in cui trasportare l’idrogeno su lunghe distanze e in grandi volumi. È una sostanza chimica di base che viene commercializzata e prodotta a livello globale; è stata utilizzato principalmente per la produzione di fertilizzanti fino ad oggi.

Tuttavia, l’ammoniaca finora non è stata utilizzata come combustibile marino. È un vettore energetico privo di carbonio ma anche tossico. Se l’ammoniaca deve essere utilizzata nei trasporti, deve essere sicura per l’uomo e l’ambiente marino.

Come spiegato, l’ammoniaca è consigliata dal punto di vista del controllo dell’inquinamento atmosferico, a condizione che sia il protossido di azoto dannoso per il clima sia le emissioni nocive di ossido di azoto vengano eliminate dal convertitore catalitico SCR.

Inoltre, sono necessarie severe norme di sicurezza per prevenire perdite, poiché l’ammoniaca è altamente tossica.

 “L’ammoniaca come combustibile marino può sviluppare pienamente il suo potenziale di protezione del clima se le emissioni di protossido di azoto dannose per il clima che si verificano nella produzione, nel trasporto e nella combustione vengono quasi completamente eliminate“, ha affermato Leif Miller, amministratore delegato di NABU.

Per garantire ciò, tutti i gas serra devono essere inclusi nelle normative e nei prezzi nazionali e internazionali. Inoltre, devono esistere norme di sicurezza rigorose per l’uso dell’ammoniaca come combustibile marino. È vero che le conseguenze a breve e a lungo termine di un incidente dovuto all’ammoniaca sono di portata inferiore rispetto a quelle di un incidente con olio pesante o diesel. Le conseguenze per l’ambiente marino sarebbero comunque immense. “

L’ammoniaca è un candidato per un futuro combustibile marino in quanto è un combustibile post-fossile privo di carbonio e quindi probabilmente più economico di altri combustibili post-fossili“, ha concluso lo studio.

A causa del suo profilo di rischio, il suo utilizzo potrebbe non essere applicabile in tutti i segmenti del settore marittimo, ad es. navi passeggeri. Il settore marittimo probabilmente farà affidamento su diversi combustibili post-fossili in futuro a seconda del segmento di mercato”.

Se l’ammoniaca deve contribuire alla riduzione delle emissioni a breve termine nel trasporto marittimo, il ritmo dello sviluppo del motore e della successiva implementazione deve aumentare. In linea con il principio di precauzione e per fornire incentivi alle nuove tecnologie per evitare tutte le emissioni di GHG, l’integrità ambientale deve essere garantita mediante una regolamentazione rigorosa che copra tutti i gas serra e in particolare includa l’N2O“.

Anche se l’ammoniaca non è ampiamente utilizzata come combustibile nei trasporti marini, gli investimenti nelle infrastrutture dell’ammoniaca non sono investimenti sprecati. L’ammoniaca svolgerà un ruolo importante nella decarbonizzazione di altri settori nell’economia dell’idrogeno.

Latest article