venerdì, 2 Dicembre 2022

NatWest fornirà finanziamenti per il clima e per la sostenibilità per 100 miliardi di sterline in preparazione al COP26©

NatWest ha annunciato l’obiettivo di fornire 100 miliardi di sterline di finanziamenti sostenibili e per il clima entro la fine del 2025.

La banca ha svelato questa ambizione insieme a un nuovo rapporto che stima che i sei milioni di piccole e medie imprese (PMI) del Regno Unito possono raggiungere il 50% degli obiettivi di decarbonizzazione del Paese.

Il rapporto “Springboard to Sustainable Recovery” di NatWest ha anche stabilito che le PMI potrebbero creare fino a 130.000 nuovi posti di lavoro e produrre circa 30.000 nuove imprese, con un’opportunità di 160 miliardi di sterline aggiuntive per l’economia del Regno Unito.

I 100 miliardi di sterline in finanziamenti per il clima e sostenibili verranno utilizzati per “contribuire a sostenere gli investimenti necessari per la transizione del Regno Unito verso un’economia ‘net zero’ “, compresi i clienti della banca e le PMI.

La banca ha affermato che la mossa sosterrà l’ambizione di NatWest di sostenere la decabonizzazione del Regno Unito e la strategia del ‘net zero’, in linea con il piano in 10 punti presentato qualche mese fa per una rivoluzione industriale verde.

NatWest prevede inoltre di lanciare un nuovo prodotto di prestito verde per i clienti delle PMI, nuovi acceleratori specializzati per il trasporto pulito e l’economia circolare, nuovi strumenti per le imprese per monitorare la loro impronta di carbonio e la formazione obbligatoria sul clima per tutti i suoi gestori di relazioni,  in collaborazione con l’Università di Cambridge e Università di Edimburgo.

L’amministratore delegato Alison Rose ha dichiarato: “Secondo il rapporto Springboard to Sustainable Recovery pubblicato ieri, le PMI svolgono un ruolo fondamentale nell’economia del Regno Unito, contribuendo per circa il 50% del fatturato totale del Regno Unito e circa il 60% dell’occupazione.

“Questo rapporto è la risposta a ciò che i nostri clienti aziendali ci dicono di cui hanno bisogno in termini di supporto pratico mentre affrontano un complesso processo decisionale.

“Siamo con loro in ogni fase del viaggio che li porta dalla consapevolezza e comprensione alla capacità di agire e infine al raggiungimento di un clima positivo di un impatto finanziario.

“Sono fermamente convinta che non dovremmo mai sottovalutare il potere delle piccole aziende – e in questo caso delle PMI – di sfruttare i grandi passi del progresso. Ciò che questo rapporto ci dice, in cifre chiare, è che tutti i settori dell’economia dovranno fare la loro parte nell’aiutare il Regno Unito a raggiungere le sue ambizioni climatiche. Dobbiamo guardare a questo non solo come un imperativo, ma come un’opportunità per le imprese”.

Il finanziamento arriva quando i membri della catena di approvvigionamento di petrolio e gas affrontano maggiori vincoli sull’accesso ai finanziamenti e un maggiore controllo.

NatWest, precedentemente nota come Royal Bank of Scotland, ha annunciato nel febbraio 2020 che avrebbe smesso di finanziare i principali produttori di petrolio che non hanno un piano climatico.

Latest article