domenica, 7 Agosto 2022

Nasce ad Amburgo un centro di competenza per l’aviazione a idrogeno

Al terzo centro aeronautico più grande del mondo è stata lanciata una nuova piattaforma di sviluppo per la nuova tecnologia a idrogeno già nel 2022. 

Finanziata dalla città di Amburgo, Lufthansa Technik lavorerà con il Centro aerospaziale tedesco (DLR), il Centro per Applied Aeronautical Research (ZAL) e l’aeroporto di Amburgo nei prossimi due anni per progettare e testare i processi di terra necessari nella gestione della tecnologia dell’idrogeno. A tal fine, un velivolo della famiglia Airbus A320 sarà convertito in un laboratorio stazionario presso la base di Lufthansa Technik ad Amburgo.

L’idrogeno liquido (LH2) viene considerato sempre più concretamente nei reparti di sviluppo dei grandi produttori di aeromobili come un carburante che puo’ essere prodotto in modo sostenibile per le generazioni future di aerei commerciali. 

Al fine di studiare gli effetti dell’uso di LH2 sulla manutenzione e sui processi a terra in una fase iniziale, Lufthansa Technik, DLR, ZAL e l’aeroporto di Amburgo stanno ora unendo le loro competenze pratiche e scientifiche. L’obiettivo è sviluppare congiuntamente un prototipo pionieristico e metterlo in funzione a partire dal 2022. In qualità di terza sede aeronautica più grande al mondo, Amburgo sta finanziando il progetto di ricerca per mitigare l’impatto economico della pandemia di coronavirus sull’industria aeronautica.

Nella prima fase del progetto, entro la fine del 2021, i partner mirano a individuare i campi di sviluppo più urgenti per un approfondimento scientifico e, su questa base, ad elaborare il concept per la successiva sperimentazione pratica. L’attuazione pratica del concetto inizierà all’inizio del 2022 e comporterà la modifica di un aeromobile Airbus A320 dismesso. Sarà dotato di un’infrastruttura LH2 da utilizzare come laboratorio sul campo e completamente funzionale presso la base di Lufthansa Technik ad Amburgo. 

Parallelamente, viene creato un ambiente virtuale presso DLR che verrà utilizzato per ottenere una mappatura digitale e altamente accurata dei campi di sviluppo definiti. La nuova piattaforma di sviluppo deve fornire l’ ispirazione per il processo di progettazione della prossima generazione di aeromobili mediante modelli virtuali parametrizzati ed altamente accurati.

In questo contesto, Lufthansa Technik contribuirà principalmente con la sua grande esperienza operativa nella manutenzione e modifica di aeromobili commerciali e può anche incorporare la prospettiva del cliente attraverso il suo stretto contatto con le compagnie aeree di tutto il mondo. DLR aggiungerà la sua esperienza di lunga data e intersettoriale con l’idrogeno e si concentrerà sullo sviluppo dell’ambiente virtuale. ZAL parteciperà anche con il suo ampio know-how nel campo della tecnologia delle celle a combustibile e della mappatura digitale dei processi. In qualità di partner associato del progetto, l’aeroporto di Amburgo contribuirà principalmente con la sua esperienza dal punto di vista dell’operatore, ad esempio nella definizione dei requisiti per il processo di assistenza a terra dei futuri velivoli a motore LH2.

Gli aerei del futuro sono più leggeri, più efficienti e volano con concetti di propulsione alternativi. L’idrogeno giocherà un ruolo importante in questo. Abbiamo bisogno di apprendere – prontamente e in dettaglio – i requisiti sugli aeromobili e la manutenzione del funzionamento nel mondo reale con l’idrogeno a terra“, ha affermato il dott. Markus Fischer, membro del consiglio di amministrazione di DLR Aeronautics. “Nel progetto, stiamo utilizzando questi dati e l’esperienza per sviluppare modelli digitali per i processi a terra. Questi gemelli di processi digitali possono quindi essere utilizzati direttamente nella progettazione di configurazioni di aeromobili orientate al futuro e tuttavia praticabili“.

Latest article