venerdì, 19 Agosto 2022

L’uomo più ricco dell’Asia svela un “giga-piano” da 10 mld $ per trasformare la sua Reliance in un’importante attore nell’energia pulita

La Reliance Industries indiana si è presentata come uno dei principali attori nel settore globale dell’energia pulita con un piano da 10 miliardi di dollari che coprirà energie rinnovabili, stoccaggio e idrogeno, compreso quello che sostiene sarà il più grande “giga-complesso” di apparecchiature per l’energia verde del mondo con un obiettivo di capacità di 100 GW.

Reliance Industries, uno dei più grandi conglomerati indiani con importanti interessi petrolchimici, in telecomunicazioni e attività di vendita al dettaglio, ha recentemente affermato che il massiccio investimento in tre anni lo porterebbe a raggiungere le emissioni nette pari a zero entro il 2035. Pianifica di svolgere  un ruolo importante nel raggiungimento dei vasti obiettivi nazionali di rinnovabili dell’India.

Il presidente e miliardario Mukesh Ambani, classificato da Forbes come l’uomo più ricco dell’Asia con un patrimonio di 82 miliardi di dollari, ha affermato che Reliance prevede di costruire “gigafabbriche” su un sito di 5.000 acri a Jamnagar, nel Gujarat, producendo moduli fotovoltaici, batterie, elettrolizzatori a idrogeno e celle a combustibile. Il gruppo prevede inoltre di costruire 100 GW di nuova potenza fotovoltaica nel solare entro la fine del decennio, rappresentando così da solo quasi un quarto dell’obiettivo di 450 GW di energie rinnovabili fissato dal Primo Ministro Narendra Modi.

 L'”ecosistema” di Reliance includerà anche il finanziamento delle energie rinnovabili e delle unità di produzione delle apparecchiature necessarie, ha aggiunto. L’obiettivo di 100 GW proietta immediatamente l’azienda in prima linea nelle ambizioni delle rinnovabili a livello globale, unendosi a società del calibro di Enel, Iberdrola e operatori petroliferi TotalEnergies e BP nella scala degli aumenti di capacità previsti.

Secondo la IEA, dall’Agenzia internazionale per l’energia, il fotovoltaico dovrebbe svolgere un ruolo enorme nella transizione energetica dell’India, che all’inizio di quest’anno aveva affermato di essere sulla buona strada per diventare la prima “nazione solare” al mondo. Tuttavia, la mancanza di produzione interna ha lasciato la nazione a disagio a dipendente dalle importazioni di celle e moduli dalla Cina, una situazione che il piano di Reliance aiuterebbe a risolvere.

Latest article