domenica, 7 Agosto 2022

L’India lancia un piano infrastrutturale nazionale da $ 1.350 miliardi che include l’uso dell’idrogeno

L’India lancerà un piano infrastrutturale nazionale del valore di 1.350 miliardi di dollari statunitensi  per aumentare la produttività dell’ industria energetica, per aiutare il paese a raggiungere i suoi obiettivi climatici aumentando la produzione e l’uso di combustibili puliti come l’idrogeno.

Il piano infrastrutturale, denominato ‘Gati Shakti’, “sarà un piano generale delle infrastrutture nazionali per il nostro Paese che getterà le basi di un’infrastruttura olistica e porterà a un percorso integrato e olistico verso il miglioramento della nostra economia“, ha affermato il primo ministro Narendra Modi in una conferenza nell’ occasione de 75° anno di indipendenza dell’India. 

Il piano generale nazionale dovrebbe fornire connettività multimodale in tutto il paese che ridurrà i tempi di viaggio e aumenterà la produttività del settore energetico, ha affermato Modi, aggiungendo che ciò migliorerebbe la portata globale dei produttori nazionali e aiuterebbe anche a sviluppare nuove zone economiche nel paese.

Questo piano prevede la costruzione di numerosi progetti infrastrutturali in India per un periodo di cinque anni a partire dal 2019. Per esempio, il governo ha fissato l’obiettivo di costruire 12.000 chilometri di autostrade nazionali nel 2021-22. A fine marzo 2021, secondo il Ministero dei trasporti stradali e delle autostrade, erano in corso i lavori su 2108 progetti autostradali per una lunghezza totale di 64.010 km.

Nell’anno fiscale in corso, il governo ha fornito al Ministero l’allocazione più alta di sempre dal suo budget a Rs1.18tr.

Anche il trasporto ferroviario riceverà un forte impulso con il ministero delle ferrovie che pianifica di migliorare l’infrastruttura ferroviaria, in particolare nel nord-est dell’India.

Il governo ha anche annunciato vari progetti nell’ambito del progetto Sagarmala per lo sviluppo delle infrastrutture marittime. Attraverso il progetto in corso, annunciato nel 2015, il governo mira a modernizzare i porti e integrarli con zone economiche speciali, costruire città intelligenti portuali, parchi industriali, magazzini e corridoi di trasporto.

Nell’ambito del tentativo dell’India di diventare autosufficiente nei propri bisogni energetici e migliorare l’uso di energia pulita, il governo ha anche lanciato la Missione nazionale per l’idrogeno. La missione sull’idrogeno è stata annunciata per la prima volta nel bilancio dell’Unione di quest’anno.

L’India attualmente spende più di Rs12tr all’anno per le importazioni di energia e diventare indipendente dall’energia è importante, ha detto Modi nel suo discorso.

Perché l’India sia autosufficiente è imperativo che diventi indipendente dal punto di vista energetico. L’India diventerà energeticamente indipendente entro il suo centesimo Giorno dell’Indipendenza“, ha aggiunto.

L’idrogeno verde è il futuro del mondo. Oggi annuncio la costituzione della National Hydrogen Mission con l’obiettivo di diventare il nuovo hub globale di idrogeno verde, e anche il suo più grande esportatore“, ha affermato.

L’industria indiana ha sostenuto questa spinta per un maggiore uso di carburante pulito e alcuni di loro hanno annunciato progetti di produzione di idrogeno.

Reliance Industries Ltd ha recentemente annunciato piani per l’idrogeno come parte della mossa dell’azienda per diventare un’azienda a zero emissioni di carbonio entro il 2035.

A marzo, Adani Group aveva annunciato una partnership con Maire Tecnimont per sviluppare progetti di idrogeno verde in India.

Indian Oil Corp (IOC) prevede di costruire un impianto di idrogeno verde nella sua raffineria di Mathura nell’Uttar Pradesh.

La NTPC, la più grande società di produzione di energia dell’India, di proprietà statale, ha anche annunciato l’intenzione di installare la prima stazione di rifornimento di idrogeno verde dell’India a Leh, nel territorio dell’Unione settentrionale del Ladakh. 

NTPC ha anche lanciato una manifestazione di interesse globale per avviare un progetto pilota sulla miscelazione dell’idrogeno con il gas naturale nella rete di distribuzione del gas della città. Il progetto pilota sarà il primo del suo genere nel paese e esplorerà la fattibilità della decarbonizzazione della rete del gas naturale, ha dichiarato il ministero dell’Energia indiano. 

Secondo una bozza di nota del Ministero delle energie nuove e rinnovabili, gli impianti di fertilizzanti e le raffinerie di petrolio potrebbero dover utilizzare l’idrogeno verde per soddisfare lo 0,15% del loro fabbisogno totale di idrogeno dal 2023-24 in poi.

Latest article