domenica, 27 Novembre 2022

La tecnologia di cattura dell’anidride carbonica diventa conveniente con l’aumento dei costi delle emissioni

I prezzi alle stelle delle emissioni del carbonio e un avvertimento “codice rosso” sulla minaccia rappresentata dal cambiamento climatico dello IPCC stanno dando nuovo impulso alla tecnologia che cattura e rimuove le emissioni dei gas serra in modo che possano essere sepolte.

Secondo Credit Suisse Group AG, il mercato di questi strumenti potrebbe raggiungere i 2000 miliardi di dollari se utilizzato per ridurre l’inquinamento causato dall’industria pesante. Con le emissioni di anidride carbonica più che raddoppiate nell’ultimo anno e i prezzi destinati a raggiungere i 100 euro a tonnellata entro la metà di questo decennio, la tecnologia di cattura sta finalmente diventando mainstream, mentre i governi spingono per raggiungere il ‘net zero’.

La tassa per il rilascio del carbonio non è mai stata così alta in Europa ed è destinata a continuare ad aumentare, creando un punto di svolta in cui prevenire le emissioni diventa una valida alternativa economica. La tecnologia di cattura è già utilizzata in molti impianti nel Nord America e in Australia,  e molti grandi progetti sono in fase di sviluppo nel Regno Unito, nei Paesi Bassi e in Norvegia.

La Carbon Tax sta spingendo le industrie a spingere per adottare la tecnologia il prima possibile“, ha affermato Samantha McCulloch, responsabile dell’utilizzo e dello stoccaggio della cattura del carbonio presso la IEA, l’ Agenzia internazionale dell’energia. “Il crescente portafoglio di progetti CCUS in tutto il mondo sarà importante per perfezionare queste tecnologie, ridurre i costi e supportare lo scale-up“.

La tecnologia di cattura del carbonio è in circolazione da decenni ed è utilizzata in alcuni settori, ma è ancora costosa: secondo la IEA, costa fino a 120 dollari a tonnellata nella produzione di cemento e nella generazione di energia. I costi dipendono dalla posizione del progetto e dalla tecnologia utilizzata. Ciò rispetto al costo attuale dei permessi di inquinamento di circa 55 euro la tonnellata.

Il processo sottrae l’anidride carbonica dai combustibili fossili, la comprime, la trasporta e quindi la immagazzina in giacimenti petroliferi sottomarini esauriti. Il numero di progetti pianificati in tutto il mondo è aumentato di sei volte dal 2019 a 300, secondo Wood Mackenzie Ltd.

I prezzi delle emissioni del carbonio potrebbero raggiungere i 100 euro già nel 2025, secondo Bank of America Corp. A quel livello, sarà più economico a lungo termine per alcuni settori che utilizzano il gas naturale per catturare le proprie emissioni piuttosto che pagare i permessi per rilasciarle.

Un prezzo del carbonio di 100 euro cambia ovviamente il gioco“, ha affermato Simon Virley, vicepresidente e capo dell’energia di KPMG LLP ed ex funzionario del governo del Regno Unito responsabile della cattura del carbonio.

Norvegia e Paesi Bassi stanno aprendo la strada in Europa, con il Regno Unito subito in seguito. Quest’anno, il governo olandese ha annunciato che spenderà 2,5 miliardi di dollari per il primo progetto CCS su larga scala nel continente. La Norvegia sta investendo 1,9 miliardi di dollari e il Regno Unito ha promesso 1,4 miliardi di dollari nel prossimo decennio per creare quattro centri di cattura del carbonio.

Queste tre nazioni, sparse nel Mare del Nord, hanno una storia di esplorazione e produzione di combustibili fossili. La spesa delle compagnie petrolifere e del gas del Regno Unito nel Mare del Nord lo scorso anno è scesa al livello più basso dal 2004. La tecnologia di cattura del carbonio potrebbe essere la chiave per mantenere in vita quelle industrie – e i settori che forniscono – mentre gli obiettivi climatici si stringono.

Dobbiamo vedere prezzi del carbonio più alti per rendere redditizi questi progetti“, ha affermato Anders Opedal, amministratore delegato di Equinor ASA, che sta sviluppando CCS nel Regno Unito, Norvegia, Germania e Paesi Bassi. “In realtà deve essere più costoso inquinare che catturare e immagazzinare“.

Nel 2019, il mondo ha emesso circa 33 gigatonnellate di carbonio. I progetti operativi ne stanno catturando solo una frazione, circa 40 milioni di tonnellate, secondo Wood Mackenzie.

Secondo Credit Suisse, oggi sono attive 19 strutture CCS su larga scala e altre 32 in fase di sviluppo. Se fossero tutti online, potrebbero immagazzinare 100 milioni di tonnellate, una frazione leggermente più grande.

Ma c’è anche la possibilità che la tecnologia non sia efficace come promesso. Il più grande progetto al mondo, presso l’impianto di gas naturale liquefatto da 54 miliardi di dollari di Chevron Corp. in Australia, non ha raggiunto il suo obiettivo di catturare l’80% delle emissioni dall’impianto, seppellendo solo il 30% in cinque anni.

La tecnologia non è ancora disponibile per l’adozione su larga scala, ma il nostro settore deve iniziare a cambiare il modo in cui operiamo“, ha affermato Andrew Gardner, presidente di Ineos Grangemouth Ltd., che sta lavorando con Royal Dutch Shell Plc al progetto Acorn in La Scozia dovrebbe iniziare nel 2027.

È una questione di quando, non se, per CCS diventare economico e venire alla ribalta“, ha detto Mhairidh Evans, analista di Wood Mackenzie. “Gli anni 2020 riguarderanno lo sviluppo del mercato“.

Latest article