domenica, 7 Agosto 2022

John Kerry enfatizza le opportunità nell’ idrogeno per le società oil&gas

L’industria statunitense dell’ oil&gas  dovrebbe cogliere “enormi opportunità” nella produzione e nel trasporto di idrogeno, con il potenziale per quella fonte di energia all’avanguardia di alimentare camion a lungo raggio e  di fornire energia a livello globale, ha detto martedì l’ inviato presidenziale per il clima John Kerry

3 marzo, 2021

Jennifer A. Dlouhy e Will Wade – World Oil

WASHINGTON (Bloomberg) –  “Questo è il salto di qualità necessario in questo momento“, ha detto Kerry durante il secondo giorno della conferenza CERAWeek di IHS Markit. “Il test sarà come produrre l’idrogeno in un modo che non sia così dannoso e ad alta intensità di carbonio“.

Il presidente Joe Biden ha esaltato il potenziale climatico dell’idrogeno, che è ampiamente visto come un’alternativa a basse emissioni di carbonio al gas naturale per l’alimentazione di centrali elettriche e veicoli. Sebbene la maggior parte sia attualmente estratta dal gas, c’è una spinta a utilizzare l’energia rinnovabile per produrre il carburante dall’acqua, che non genererebbe emissioni di carbonio.  Le compagnie petrolifere e del gas hanno “infrastrutture incredibili” per trasportare l’idrogeno, ha detto Kerry.

Kerry, che sta guidando gli sforzi degli Stati Uniti per incoraggiare impegni di riduzione delle emissioni più aggressivi nell’ambito dell’accordo di Parigi, ha affermato che l’amministrazione Biden spingerà la Cina sulla questione, anche se affronta il principale emettitore di gas serra del mondo per questioni di commercio e proprietà intellettuale.

Ci sono tensioni oggi che non esistevano allora“, ma “possiamo affrontare questo problema come una questione a compartimenti stagni“, ha detto Kerry. “La crisi climatica non è qualcosa che può cadere vittima di quelle altre preoccupazioni e contese, perché la Cina è il 30% di tutte le emissioni mondiali“.

Gli Stati Uniti si sono riuniti formalmente a  circa 195 altri paesi  firmatari dell’accordo di Parigi il mese scorso e l’amministrazione Biden sta sviluppando un nuovo impegno per il taglio delle emissioni che i funzionari hanno detto sarà il più “aggressivo” possibile. Gli Stati Uniti stanno radunando alcuni dei principali emettitori del mondo in un vertice virtuale del 22 aprile con l’obiettivo di aumentare l’ambizione e spingere i paesi a mantenere le temperature globali medie superiori a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali.

Kerry ha inquadrato lo sforzo come un’opportunità economica, anche per gli investitori americani in India, che chiedono a gran voce di spingere l’energia solare che potrebbe fare affidamento su materiali e componenti diversi da quelli prodotti in Cina oggi.

L’ex Segretario di Stato ha affermato di aver lavorato con le principali case di investimento e asset manager per incoraggiare il capitale del settore privato a essere diretto “nel posto giusto qui, in modo da poter rendere più rapida questa transizione”.

Kerry ha anche chiesto una rete elettrica nazionale a seguito del guasto del sistema elettrico del Texas durante un’ondata di freddo il mese scorso. La natura a patchwork della rete energetica degli Stati Uniti significa che ci sono reti progettate per supportare le aree costiere ad alta popolazione, con una rete che serve il Texas in gran parte isolata e “un buco nel mezzo del paese“, ha detto.

Ciò rappresenta un’opportunità per sviluppare un sistema più ampio in grado di fornire energia in modo migliore ovunque nella nazione, ha detto Kerry. “Il Texas è un ottimo esempio di ciò che dobbiamo costruire”, ha detto. “Abbiamo bisogno di una rete intelligente.”

Latest article