sabato, 26 Novembre 2022

Il WEC afferma che l’idrogeno prodotto senza emissioni di carbonio non costa poco e necessità di supporto

L’idrogeno prodotto a basse emissioni di carbonio non è attualmente “competitivo con altre forniture energetiche nella maggior parte delle applicazioni e dei luoghi” ed è improbabile che la situazione cambi a meno che non ci sia “un supporto significativo per colmare il divario di prezzo”, secondo un recentissimo rapporto del World Energy Council.

L’analisi, pubblicata martedì, realizzata in collaborazione con PwC e lo US Electric Power Research Institute, ha sollevato la questione della provenienza dei finanziamenti per tale sostegno, ma ha anche evidenziato il profilo crescente del settore e l’effetto positivo che questo potrebbe avere.

Nell’ annuncio che ha accompagnato il briefing, l’organizzazione energetica con sede a Londra ha affermato che “i driver ambientali e politici” stanno “inviando segnali incoraggianti al mercato e suscitando un interesse crescente “. A livello globale, molti progetti pilota sono in fase di sviluppo, costruzione o funzionamento, ha aggiunto.

Descritto dalla IEA – International Energy Agency come un “vettore energetico versatile“, l’idrogeno ha una vasta gamma di applicazioni e può essere impiegato in settori come l’industria e i trasporti.

Può essere prodotto in diversi modi. Un metodo include l’uso dell’elettrolisi, con la corrente elettrica che divide l’acqua in ossigeno e idrogeno. Se l’elettricità utilizzata nel processo proviene da una fonte rinnovabile, come l’eolico o il solare, alcuni lo chiamano idrogeno verde o rinnovabile.

Attualmente, la stragrande maggioranza della produzione di idrogeno si basa su combustibili fossili mentre l’idrogeno verde è costoso da produrre. Tuttavia, si stanno compiendo sforzi enormi per ridurre i costi.

Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha recentemente lanciato la sua Energy Earthshots Initiative e ha affermato che il primo di questi si concentrerà sulla riduzione del costo dell’idrogeno “pulito” per raggiungere $ 1 per chilogrammo in un decennio. Secondo il DOE, oggi l’idrogeno da fonti rinnovabili ha un prezzo di circa $ 5 al chilogrammo.

Da parte sua, il World Energy Council ha affermato che alcuni paesi stanno “sviluppando attivamente partenariati bilaterali per aiutare a formare catene di approvvigionamento globali di idrogeno e garantire un approvvigionamento di idrogeno pulito“.

Con le politiche e le tecnologie appropriate per consentire l’espansione dell’idrogeno, alcune proiezioni suggeriscono che potrebbe essere competitivo in termini di costi con altre soluzioni già nel 2030“, ha aggiunto.

Il settore sembra essere a un bivio, con una serie di problemi da risolvere mentre cerca di espandersi. Il rapporto del WEC affermava che l’economia dell’idrogeno sta affrontando il “problema dell’uovo e della gallina” relativo alla domanda e all’offerta. Per entrambi di questi, ha sostenuto, mancano “volumi sicuri dall’altro per aiutare a stabilire la catena del valore“.

E’ anche in atto una discussione sui vantaggi dell’uso dei colori – inclusi marrone, blu, grigio e rosa, per citarne alcuni – per differenziare i vari metodi di produzione.

Il colore è stato utilizzato per semplificare la conversazione sull’impronta del carbonio nella produzione di idrogeno“, afferma il rapporto del WEC, “ma è diventato più complesso senza colori universalmente concordati per le tecnologie specifiche, con qualche disaccordo su quale colore corrisponde a quale fonte“.

Il dibattito sul colore richiede chiarezza, “poiché potrebbe rischiare di escludere prematuramente alcune vie tecnologiche che potrebbero essere più efficienti in termini di costi ed emissioni di carbonio“, ha affermato.

Mentre si discute sul futuro dell’idrogeno, un certo numero di aziende iniziano attività importanti.

Proprio questa settimana è stato annunciato che SSE Renewables e il gigante delle turbine eoliche Siemens Gamesa Renewable Energy hanno firmato un memorandum d’intesa incentrato sull’esplorazione delle opportunità legate alla produzione e alla fornitura del cosiddetto idrogeno verde.

In una dichiarazione,  SSE Renewables ha affermato lunedì che la partnership ha l’obiettivo di “situare impianti di produzione di idrogeno in due parchi eolici onshore selezionati … dai quali i partner inizieranno la produzione e la consegna di idrogeno verde attraverso l’elettrolisi”.

Uno dei parchi eolici sarà in Scozia, mentre l’altro sarà situato in Irlanda. Jim Smith, amministratore delegato di SSE Renewables, ha affermato che l’idrogeno sta “diventando rapidamente una componente importante ed entusiasmante della strategia per decarbonizzare la produzione di energia, l’industria pesante e i trasporti, tra gli altri settori“.

Latest article