venerdì, 19 Agosto 2022

I progetti per l’idrogeno dal valore di $ 300 miliardi riducono rapidamente i prezzi dell’ idrogeno verde

Un nuovo rapporto del Hydrogen Council fa luce sull’aumento dell’idrogeno come fonte di carburante verde. Più di 30 paesi hanno oggi una strategia nazionale dell’ idrogeno e un budget, e ci sono 228 progetti in cantiere, sia dal lato della produzione che da quello dell’utilizzo.

Loz Blain – New Atlas.com

19 febbraio,  2021

L’Europa è all’avanguardia, con 126 progetti annunciati fino ad oggi, seguita da Asia con 46, Oceania con 24 e Nord America con 19. In termini di gigawatt,  sono previsti 17 progetti di produzione dell’ idrogeno, coi più grandi in Europa, Australia, Medio Oriente e Cile.

Nel complesso, i progetti sembrano abbastanza ben bilanciati tra la produzione di idrogeno e le applicazioni per l’uso finale, con un numero inferiore incentrato sulla distribuzione. I progetti europei sono bilanciati  tra produzione e iniziative di utilizzo, mentre Corea e Giappone si stanno sviluppando molto di più sul lato dell’utilizzo, sia per il trasporto che per le applicazioni industriali. L’Australia e il Medio Oriente sono più attivi dal lato dell’offerta, lavorando per posizionarsi come esportatori di idrogeno.

La maggior parte di questi progetti – circa il 75%, va notato – è stata annunciata ma non è ancora stato organizzato  il finanziamento. Questa cifra include i budget impegnati dai governi per la spesa, per i quali non è stato ancora individuato alcun progetto specifico. Solo 45 miliardi di dollari di progetti sono nella fase “matura”, dopo aver raggiunto lo studio di fattibilità o la fase di ingegneria e progettazione, e 38 miliardi di dollari sono nella fase “realizzata”, con una decisione di investimento finale presa, costruzione iniziata o già operativa.

Le proiezioni sulla produzione di idrogeno per il 2030 sono aumentate nell’ultimo anno. Il rapporto precedente stimava che saranno prodotti 2,3 milioni di tonnellate all’anno entro il 2030 e questo rapporto aumenta tale previsione  fino a 6,7 ​​milioni di tonnellate. In altre parole, due terzi della produzione globale di idrogeno che dovrebbe essere operativa nel 2030 sono è stata annunciata nell’ultimo anno.

Le iniziative di decarbonizzazione dei vari governi sono un’enorme forza trainante dietro questa ondata di idrogeno, con circa 70 miliardi di dollari impegnati a livello globale. Il prezzo della ‘carbon tax’  sta aiutando, con circa l’80% del PIL globale coperto da una sorta di meccanismo di determinazione del prezzo del CO2.

Il Giappone e la Corea, come ci si aspetterebbe, stanno guidando la carica sui veicoli a celle a combustibile e a livello globale il rapporto prevede circa 4,5 milioni di veicoli a celle di combustibile  sulle strade entro il 2030, con 10.500 stazioni di rifornimento a idrogeno destinate a soddisfare tale domanda.

I costi della produzione dell’idrogeno verde stanno diminuendo più rapidamente del previsto, con alcune operazioni ottimali che iniziano a raggiungere la parità di prezzo entro il 2030, anche senza le ‘carbon tax’  sull’idrogeno grigio (Hydrogen Council)

Ci sono buone notizie anche in termini di costi di produzione, coi prezzi dell’idrogeno verde rinnovabile che scendono più rapidamente del previsto. In parte, questo è dovuto al fatto che le supply chain  degli elettrolizzatori stanno aumentando più rapidamente del previsto, riducendo i prezzi degli elettrolizzatori al del 30-50% inferiori rispetto a quanto prima previsto. Altri fattori includono una diminuzione del costo dell’energia, coi costi delle energie rinnovabili rivisti al ribasso del 15%, e le società di produzione di idrogeno verde che calcolano il loro mix di input rinnovabili in modo più efficace per mantenere gli idrolizzatori attivi e funzionanti più a lungo.

Quindi, mentre i costi dell’idrogeno “grigio” dovrebbero rimanere stabili a circa $ 1,59 al kg, l’idrogeno verde dovrebbe scendere dal suo prezzo attuale di circa $ 4-5,50 al chilogrammo per raggiungere una media di $ 1,50 entro il 2050, con l’offerta verde che potrebbe diventare più economica dell’ idrogeno “grigio” in aree ottimali già nel 2030. La produzione di idrogeno a basse emissioni di carbonio inizierà ad arrivare  intorno al 2025, con prezzi che si collocano all’incirca tra i due. L’aggiunta di ‘carbon tax’  sul carbonio nella produzione “grigia” potrebbe portare l’idrogeno verde alla parità di prezzo entro il 2030.

Il trasporto di idrogeno diventerà un grosso problema, con i principali centri di domanda che probabilmente guarderanno alle importazioni. Il modo più economico per farlo per brevi e medie distanze è attraverso condotte  adattate, a condizione che ci sia una domanda garantita da soddisfare. Se la domanda dovesse oscillare, i camion invece diventerebbero  più attraenti. Per distanze più lunghe, alcune rotte hanno condotte  sottomarine che potrebbero essere utilizzate, ma gran parte del resto dovrà essere fatto utilizzando navi, il che aggiungerà circa $ 1-2 al costo per chilogrammo.

Anche le condotte terrestri a lungo raggio sembrano un’opportunità interessante, con il rapporto che sottolinea che le condotte dell’idrogeno possono trasportare 10 volte più energia di una linea di trasmissione elettrica a lunga distanza a un ottavo del costo. E le condotte esistenti possono essere rivampate per gestire l’idrogeno e ridurre notevolmente il costo dei progetti.

Il rapporto fa ulteriori proiezioni a lungo termine per i veicoli a idrogeno, i camion, le navi e gli aerei. Nel settore dell’aviazione, il rapporto prevede che l’idrogeno diventerà un modo economico per decarbonizzare i voli a corto e medio raggio (inferiori a 10.000 km o 6.200 miglia) entro il 2040 circa, ma saranno necessari progressi significativi nello stoccaggio per voli a lungo raggio.

Il rapporto non dovrebbe essere preso come vangelo, essendo stato scritto dalla stessa industria dell’ idrogeno, ma rappresenta una lettura interessante se si è interessati allo sviluppo dell’economia dell’energia pulita.

Latest article