domenica, 7 Agosto 2022

I nuovi fondi ETF (Exchange-traded Fund) per l’idrogeno sfrutteranno l’opportunità da 11.000 miliardi di $

Afferma il CIO del nuovo fondo Defiance ETF

19 marzo, 2021

La Redazione

L’energia dell’idrogeno può essere all’apice di un periodo di massimo splendore.

Un nuovo fondo ETF basato su idrogeno e celle a combustibile, il Defiance Next Gen H2 ETF (HDRO), ha già aumentato il patrimonio netto di $ 2,85 milioni dal suo lancio la scorsa settimana – e questo è probabilmente solo l’inizio, ha detto Sylvia Jablonski, chief investment officer di Defiance ETF, in un’intervista con “ETF Edge” della CNBC.

Man mano che le riserve naturali si riducono e le popolazioni crescono, c’è questa necessità di trovare una soluzione energetica pulita e sostenibile che soddisfi le nostre richieste energetiche“, ha detto Jablonski. “Nessuna delle fonti energetiche alternative esistenti ora disponibili come il solare, l’eolico o la biomassa è in grado di fornire un approvvigionamento energetico sufficiente ed economico“.

È qui che entra in gioco l’idrogeno. Anche se attualmente costa di più da produrre rispetto ad altre fonti energetiche alternative, si prevede che questi costi saranno ridotti della metà nei prossimi anni, ha detto Jablonski.

È anche una “enorme opportunità di investimento”, ha affermato il CIO – e lei non è l’unica a pensarla così. Bank of America stima che questa industria da circa 200 miliardi di dollari crescerà fino a 11.000 miliardi di dollari di investimenti e rappresenterà circa il 25% del fabbisogno energetico mondiale, generando 2.500 miliardi di dollari di entrate dirette entro il 2050.

È l’elemento più abbondante nell’universo“, ha detto Jablonski. “Il solare e l’eolico sono semplicemente incredibili risorse energetiche alternative, ma l’idrogeno può davvero diventare grande“.

Questo si sta già dimostrando, ha affermato il CIO, con organizzazioni come NASA, Amazon, Home Depot, Boeing e Walmart che già utilizzano tecnologie a idrogeno e celle a combustibile per alimentare veicoli come i carrelli elevatori. 

Anche i governi di tutto il mondo hanno messo gli occhi sull’idrogeno, con il Regno Unito che pianifica di dotare gli autobus della tecnologia dell’idrogeno e l’industria siderurgica tedesca che sfrutta l’idrogeno per compensare le emissioni di carbonio.

La chiave di queste tendenze sono le società del nuovo ETF di Defiance, che richiede alle sue partecipazioni di trarre almeno il 50% dei loro ricavi dalle tecnologie dell’idrogeno e / o delle celle a combustibile.

Vogliamo … fornire …a) prodotti che hanno un’esposizione pura all’idrogeno e alle celle a combustibile, ma …b) che sono abbastanza liquidi“, ha detto Jablonski. “Non vogliamo che l’investitore venga inchiodato con prodotti che forse non sono scambiati, non hanno alcuna capitalizzazione di mercato e sono altamente volatili. Quindi, hai sicuramente un paniere più piccolo qui, ma man mano che queste aziende crescono e più aziende entrano nel mercato, l’ETF potrebbe potenzialmente espandersi “.

Latest article