martedì, 29 Novembre 2022

Il progetto Prometeo abbasserà il costo dell’idrogeno verde a sotto i 2 euro al kg

Il progetto europeo, coordinato da Enea, cercherà di ridurre i costi di produzione.  Maire Tecnimont sarà a capo dell’ingegnerizzazione dell’impianto prototipale attraverso le sue controllate NextChem e Stamicarbon

29 Marzo 2021

La Redazione

Il progetto PROMETEO ci porterà l’idrogeno verde low cost. Prendendo spunto dal mito greco del titano che rubò il fuoco agli dei, il nuovo progetto di ricerca europeo, coordinato dall’agenzia nazionale Enea, ha l’obiettivo ambizioso di abbassare i costi di produzione dell’idrogeno a sotto i 2 euro al kg, sfruttando l’energia solare o eolica per alimentare l’elettrolisi (Oggi il prezzo si aggira tra i 2,5 e 5,5 euro al kg).

L’idea alla base del progetto è combinare l’elettricità dall’ eolico o fotovoltaico con il calore prodotto dal solare a concentrazione“Il cuore della sfida di PROMETEO sta nel garantire continuità alla produzione di idrogeno da elettrolisi anche quando l’energia […] solare non è disponibile a causa dell’intermittenza o nei periodi in cui è più conveniente utilizzarla, come ad esempio nei surplus di produzione”, spiega Alberto Giaconiail ricercatore ENEA che coordina il progetto“Ciò consentirà di essere altamente competitivi in termini di costi”.

L’iniziativa ha un budget di 2,7 milioni di euro e una durata prevista di 42 mesi. Si affida ad un gruppo di partner molto esperti, tra imprese del settore e istituti scientifici, come la Fondazione Bruno Kessler (FBK) di Trento, la spagnola IMDEA Energy Institute e il politecnico svizzero EPFL. La nostra  Maire Tecnimont  sarà a capo dell’ingegnerizzazione e della messa in servizio del prototipo attraverso due sue controllate, l’italiana NextChem e l’olandese Stamicarbon. Inoltre, partecipano anche l’italo-svizzera SOLIDpower, fornendo elettrolizzatori e il sistema di termo-regolazione, la Snam per l’iniezione di idrogeno verde nella rete gas, la spagnola Capital Energy per lo stoccaggio chimico di elettricità rinnovabile e l’olandese Stamicarbon del Gruppo Maire Tecnimont per i possibili impieghi nell’industria chimica.

Il consorzio intende realizzare un elettrolizzatore ad ossidi solidi da 25 kWe. Invece di usare l’acqua nella sua forma liquida, come avviene normalmente, il nuovo sistema utilizzerà l’elettrolisi a vapore, che prevede temperature superiori a 700°C. Il calore e l’energia necessari per il lavoro proverranno interamente dal sole. Il prototipo dovrebbe essere in grado di produrre 15 kg di idrogeno verde al giorno; fase che sarà validata in Spagna presso un impianto fotovoltaico. 

Si mantiene viva la speranza in prospettiva di installare un prototipo anche nella futura Hydrogen Valley del Centro ricerche Casaccia, in modo da “favorire il trasferimento tecnologico al settore Power-to-Gas”, aggiunge Giorgio Graditi, Direttore del Dipartimento ENEA di Tecnologie Energetiche e Fonti Rinnovabili.

L’iniziativa nasce con l’obiettivo primario di sviluppare e scalare tecnologie di produzione più efficienti grazie alle alte temperature del solare a concentrazione. Ma mira anche ad integrare la nuova tecnologia nell’infrastruttura energetica, accoppiando rete del gas a quella elettrica.

“PROMETEO è un importante progetto che si colloca nell’ambito delle iniziative sull’idrogeno verde che NextChem sta portando avanti, ed è finalizzato allo sviluppo di un nuovo processo basato sulla tecnologia dell’elettrolisi ad ossidi solidi ad alta temperatura”, commenta Barbara MoricoProject Manager per NextChem. L’azienda è il partner deputato alla realizzazione del prototipo per la dimostrazione della tecnologia, “contribuendo inoltre alla definizione delle strategie di scale-up su base industriale”.

Latest article